Blog

Olio per motori-chimicamo

Olio per motori

  |   Chimica, Tutto è Chimica

L’olio per motori può essere di tipo minerale, sintetico e semi-sintetico ed è costituito da un olio e da additivi che ne migliorano le proprietà.

Sin dall’antichità sono state usate molti tipi di sostanze per ridurre l’attrito tra parti meccaniche in contatto tra loro. La lubrificazione, oltre a ridurre l’attrito serve anche a raffreddare gli organi interni di un motore e a ridurne l’usura.

 

Composizione

 L’olio minerale è costituito da una miscela complessa di alcani aventi un numero di atomi di carbonio superiore a nove ed è un distillato del petrolio. Viene spesso ottenuto come sottoprodotto della raffinazione del petrolio greggio che viene utilizzato per produrre benzina e altri prodotti petroliferi. Questo tipo di olio ha una densità che assume valori da 0.8 a 0.87 g/cm3, temperatura di ebollizione superiore a 200°C e contiene alcani, cicloalcani, vaselina e può contenere tracce di azoto o zolfo.

L’olio sintetico è ottenuto da costituenti del petrolio modificati chimicamente ma può essere ottenuto anche da altre materie prime. Per ottenere l’olio sintetico può essere utilizzato il processo di Fischer-Tropsch a partire da miscele gassose di monossido di carbonio e idrogeno in presenza di catalizzatore.

L’olio semi-sintetico introdotto per la prima volta nel 1966 è costituito da una miscela di olio minerale e olio sintetico e presenta il vantaggio di unire le proprietà dell’olio sintetico al costo più contenuto.

 

Proprietà

L’olio sintetico offre notevoli vantaggi rispetto all’olio minerale tra cui:

  • Resistenza ad elevate temperature. Sono quindi indicati per i climi caldi o per motori sottoposti a carichi gravosi
  • Buone prestazioni a basse temperature. Essi sono in grado di esercitare la loro funzione anche a temperature di -30°C- – 40°C.
  • Migliore protezione del motore in quanto l’olio sintetico è in grado di mantenere il suo grado di viscosità anche in condizioni estreme
  • Riduzione del consumo di olio. Se viene utilizzato per sei ore a 400°C un olio sintetico perde il 4 %del suo peso contrariamente all’olio minerale che perde circa il 30 % del suo peso.
  • Motore più pulito. L’olio sintetico non tende a decomporsi e quindi nel motore non si ha un accumulo di sostanze e il motore rimane più pulito

 

Additivi

All’olio per motore sia minerale che sintetico o semi-sintetico vengono aggiunti additivi per assicurare migliori prestazioni e maggior durata

 

Tipo di additivo

Funzioni

Inibitori dell’ossidazione L’ossidazione dell’olio ne compromette le sue proprietà lubrificati pertanto un inibitore dell’ossidazione ne rallenta il processo
Detergenti Rimuovono i depositi e le microparticelle dalle superfici
Disperdenti Evitano l’accumulo di depositi sulle parti del motore
Antischiuma Evitano la formazione di schiume sulla superficie dell’olio che si producono dall’azione degli additivi disperdenti
Antiusura Sono costituiti da sostanze solide che lubrificano il motore in fase di avvio e sono detti modificatori dell’attrito
Inibitori della corrosione Proteggono le parti metalliche del motore dall’ossidazione
Modificatori dell’indice di viscosità Riducono la differenza di viscosità dell’olio quando è caldo e quando è freddo
Antigelo Aiutano ad adattare l’olio per motori all’ambiente modificando la temperatura a cui essi si induriscono

 

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi