Olio essenziale di menta piperita

La menta piperita è una pianta di origine europea appartenente alla famiglia delle Labiate e al genere Mentha. Le sue foglie sono molto aromatiche e dal sapore intenso che ne sconsigliano l’uso in cucina mentre la loro essenza è utilizzata nella preparazione di bevande.

Secondo la mitologia greca Menta era una ninfa amata da Ade, marito di Persefone,  che per gelosia la trasformò in pianta e Giove, impietositosi, le conferì un aroma inconfondibile e piacevole.

L’olio essenziale di menta piperita viene ottenuto dalla pianta prima della fioritura e viene estratto dalla pianta fresca o parzialmente essiccata per distillazione in corrente di vapore.

Le proprietà dell’olio essenziale di menta piperita note sin dall’antichità sono dovute ai costituenti in esso presenti.

Il mentolo C10H20O è il componente principale che caratterizza l’ olio essenziale di menta piperita. Esso è un alcol secondario monoterpenico

mentolo

che viene usato in campo medico per alleviare il mal di gola e come analgesico in quanto è un debole antagonista dei recettori k-oppioidi. Il mentolo ha inoltre una funzione vasodilatatoria, stimola cioè la dilatazione dei vasi e quindi l’afflusso di sangue nell’area interessata: ecco perché spalmare su un muscolo dolorante l’olio essenziale opportunamente diluito  dà subito effetti benefici.

Altro costituente dell’olio essenziale di menta piperita è il mentone C10H18O chetone ottenibile dall’ossidazione del mentolo

Mentone

che ha proprietà stimolanti, antisettiche e analgesiche ed è usato in diversi pesticidi essendo un insetticida naturale.

Il terzo componente tipico dell’olio essenziale della menta piperita è l’acetato di mentile C12H22O2 estere  dell’acido acetico e del mentolo

Questi composti esplicano un effetto sui recettori sensibili al freddo presenti nella pelle, bocca e gola e hanno la proprietà di dare una sensazione di raffreddamento.

Gli altri componenti dell’olio essenziale di menta piperita sono l’1,8-cineolo, il limonene, il β-pinene e il β-cariofillene.

L’olio essenziale di menta piperita ha un’azione antiossidante quindi inibisce la formazione dei radicali liberi che possono danneggiare le cellule. Inoltre i ricercatori dell’Università di Padova hanno dimostrato che il mentolo stimola le cellule del tessuto adiposo bianco inducendole  a consumare i grassi producendo calore con conseguente accelerazione del metabolismo che permetterebbe il dimagrimento.

L’olio essenziale di menta esplica azione antisettica e antipiretica che giova in caso di malattie da raffreddamento ed influenza, febbre, stomatiti e afte.

Aggiungendo  una goccia nell’apparecchio per le inalazioni o 10 gocce in acqua bollente per suffumigi, oppure tre gocce in combinazione con oli di cedro, pino cembro, eucalipto e limone nel bagno, si alleviano i sintomi della tosse, del raffreddore, degli stati influenzali e della sinusite.

L’olio essenziale di menta piperita  viene utilizzato anche in casi di disturbi gastrointestinali in quanto favorisce l’attivazione dei processi digestivi e contribuisce all’eliminazione dell’aria che si è accumulata nello stomaco e nell’intestino ed è quindi in grado di risolvere i problemi di meteorismo.

L’olio essenziale di menta piperita ha un’azione tonificante nei confronti del sistema nervoso centrale e lo si può diffondere nell’ambiente domestico in quanto aiuta a risolvere problemi di ansia e insonnia.

Si deve comunque tener presente che esso non va mai usato concentrato neanche nelle applicazioni esterne ma deve essere diluito, a seconda dell’uso, con acqua o con alti olio essenziali quali l’olio di mandorla o l’olio di jojoba.

Per il suo alto contenuto di chetoni, sostanze potenzialmente neurotossiche non va usato in gravidanza o allattamento e se ne sconsiglia l’uso ai bambini

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On