Limoni IGP

“Limoni in festa” è una delle manifestazioni organizzate del Comune di Massa Lubrense  con la collaborazione della Pro Loco che si terrà dal 22 al 24 luglio. L’evento celebra uno dei prodotti più preziosi che hanno contribuito a rendere celebre la penisola sorrentina in Italia e nel mondo.

I limoni fanno parte della storia, della cultura e del paesaggio della penisola sorrentina dove, chi ha la fortuna viverce o di andarci per un viaggio di lavoro o di piacere non può non aver notato come gli alberi di limoni e di aranci si inseriscano nel mitico scenario del Paese delle Sirene: i famosi terrazzamenti e le mitiche coperture dei limoneti fatte delle tipiche pagliarelle connotano fortemente la penisola sorrentina contribuendone alla sua fama.

Nel XIX secolo i limoni hanno costituito una fonte di reddito per i contadini della penisola che esportavano i loro prodotti; il profumo e il sapore dei limoni sono infatti anche il simbolo della Napoli borbonica dove i famosi acquajoli rinfrescavano gli avventori con limonate e granite dal sapore squisitamente genuino.

Il femminiello di Sorrento e il limone di Massa hanno conquistato dal 2000 la denominazione d’origine e indicazione geografica e presentano un succo altamente acido e una buccia profumata per l’elevata presenza di oli essenziali.

Il succo di limone è ricco di acido ascorbico più noto come vitamina C che gioca un ruolo fondamentale nell’organismo agendo da antiossidante e proteggendo dall’attacco di radicali liberi in ambienti acquosi come il liquido intracellulare e il plasma.

E’ necessario per la formazione e la stabilizzazione del collagene, sostanza indispensabile per la produzione del tessuto connettivo.

Oltre all’acido ascorbico nel limone è presente l’acido citrico, un acido tricarbossilico che viene largamente usato come acidificante alimentare ma che offre numerosi benefici alla salute; esso combatte la formazione di radicali liberi, è un lenitivo per il mal di gola, nei cosmetici viene usato per la rigenerazione del tessuto cutaneo rallentando il processo di invecchiamento e, in alte concentrazione agisce da depigmentante per la pelle. L’acido citrico inoltre contribuisce alla dissoluzione di calcoli renali costituiti da ossalato di calcio e quindi è indicato per la prevenzione della calcolosi urinaria.

Nel succo di limone è inoltre presente lo ione potassio che regola diverse funzioni vitali dell’organismo in quanto contribuisce a mantenere stabile l’equilibrio idrico oltre ad essere un componente essenziale per la trasmissione degli impulsi elettrochimici tra le cellule. Esso inoltre interviene nel processo di regolazione dell’attività neuromuscolare, stimola la produzione di insulina e svolge un ruolo fondamentale nella sintesi proteica.

Un altro componente del succo di limone è l’acido malico, un acido dicarbossilico la cui base coniugata è l’intermedio chiave nel principale ciclo di produzione dell’energia cellulare, noto come ciclo di Krebs che è localizzato all’interno dei mitocondri.

Dalla buccia dei limoni si ottiene oltre che il famosissimo limoncello che è noto e apprezzato in tutto il mondo anche l’olio essenziale. Esso è un liquido etereo solubile in etanolo e ricco di limonene e pineni che ha proprietà calmanti, antisettiche, tonificanti, depurative, antinfiammatorie e purificanti.

Il limone è quindi salutare, dai mille usi in campo culinario, cosmetico, farmaceutico che costituisce uno dei prodotti più noti e apprezzati frutto della terra un tempo chiamata Campania Felix

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On