Blog

La cannabis e i suoi effetti-chimicamo

La cannabis e i suoi effetti

  |   Chimica, Tutto è Chimica

La cannabis o marijuana o hashish è una droga che si estrae dalla pianta della cannabis. Essa contiene circa 400 sostanze diverse di cui almeno 60 sono cannabinoidi, composti con effetti psicoattivi.

Il più potente è il Delta-9-tetraidrocannabinolo (THC).

L’azione del THC risulta dal suo legame con i recettori cannabinoidi che si trovano nel sistema nervoso centrale e nel sistema immunitario.

Tali recettori sono presenti , in gran numero nell’ippocampo, l’area che regola la memoria a breve tempo e, legandosi ad essi, ne ostacola la comunicazione con conseguente indebolimento della memoria.

Le altre due aree che il THC va a compromettere sono la corteccia prefrontale, area responsabile della percezione, della concentrazione e delle capacità di giudizio. È inoltre compromesso il sistema limbico, l’area che governa le emozioni.

La maggior parte dei consumatori di marijuana fuma questa droga attraverso sigarette preparate manualmente chiamate spinelli e in numerosi altri modi.

Alcuni utilizzano pipe o pipe d’acqua chiamate bong e purtroppo si sta diffondendo l’uso di sigari di marijuana chiamati blunt.

In essi  il tabacco del sigaro è sostituito con la marijuana e con altre droghe come crack o cocaina.

Meccanismo di azione

Quando qualcuno fuma marijuana il THC si trasferisce dai polmoni nel sangue e la sostanza è trasportata ai vari organi del corpo compreso il cervello.

In esso il THC si connette a specifiche aree delle cellule nervose chiamate recettori di cannabinoidi influenzandone l’attività.

Gli effetti nefasti della marijuana iniziano subito dopo che la droga ha raggiunto il cervello e durano da 1 a 3 ore.

Poco dopo l’inalazione il cuore inizia a battere più rapidamente, passando da 70-80 battiti al minuto fino a 120-130 battiti e in alcuni casi ancora di più.

L’uso di tale droga può dare sensazioni piacevoli e il tempo sembra scorrere più lentamente, la bocca diventa asciutta e si possono avvertire gli stimoli della fame e della sete.

Effetti

Gli effetti acuti più frequenti sono: deficit dell’attenzione, della concentrazione e della memoria a breve termine, disorientamento, ansia, attacchi di panico.

Altri effetti fisiologici sono : irritazione congiuntivale, tachicardia, astenia, cefalea, disturbi della coordinazione motoria, alterazione dei tempi di reazione agli stimoli.

Gli effetti fisiologici a lungo termine includono : aumento della salivazione, tachicardia, disturbi del ritmo sonno-veglia, congiuntiviti, bronchiti, deficit immunologici.

Quelli psicologici a lungo termine includono: abulia, instabilità dell’umore, trascuratezza, mancanza di motivazione e di interesse, ottusità mentale, bassa produttività. Si verificano lentezza nei movimenti, deficit di memoria e di attenzione.

L’uso prolungato di tale droga induce alterazioni del metabolismo cellulare, della motilità degli spermatozoi, della fertilità, dello sviluppo fetale, dell’istologia del tessuto cerebrale e del sistema immunitario

Gli effetti cronici sul piano mentale includono: irritabilità, manie di persecuzione, incoerenza del linguaggio, confusione, ansia e depressione. Si verificano attacchi di panico, fobie, disorientamento spazio-temporale, allucinazioni visive, depersonalizzazione.

Danni

Numerose ricerche indicano che i derivati della cannabis :

1)       Danneggiano la struttura del nucleo cellulare (DNA e RNA) che comporta un aumento delle mutazioni genetiche con induzione di tumori

2)     Legandosi a recettori specifici del cervello ne alterano la morfologia e la funzionalità il che significa la cannabis agisce in modo biologico e non può essere considerata una droga leggera.

3)     Danneggiano la struttura e la funzione del cervello, colpendo le aree limbiche, i processi emotivi-affettivi, l’apprendimento e la memoria ed inoltre si è dimostrato che i danni si estendono alla prole.

4)     Alterano i processi percettivi, l’attenzione, il coordinamento motorio

Gli studenti che fanno uso di questa droga ottengono voti inferiori e hanno minori probabilità di concludere gli studi. I lavoratori hanno problemi sul lavoro e sono soggetti a incidenti .

L’uso della marijuana crea problemi nella vita quotidiana e peggiora l’esistenza. Un motivo in più per capire che non esistono droghe leggere, ma che la loro interazione con l’organismo provoca danni irreparabili.

Condividi



Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org