L’acqua: alla base della vita

In natura l’acqua è presente in tutti e tre gli stati di aggregazione (solido, liquido, gassoso).

Essa si trova negli oceani, nei fiumi, nei ghiacciai, nel sottosuolo, nell’atmosfera. Soltanto una piccola parte di essa è,però, utilizzabile dall’uomo. Infatti il volume di acqua presente sulla superficie terrestre è costituito prevalentemente da acqua salata, e della parte restante l’uomo ne può utilizzare solo una parte minima essendo l’altra accumulata sotto forma di ghiaccio nelle calotte polari e nei ghiacciai, o è presente nel sottosuolo a grandi profondità.

L’approvvigionamento idrico sta diventando sempre più difficile: il consumo di acqua è in continuo aumento e la situazione risulta più grave nei paesi industrializzati, dove al fabbisogno idrico per usi domestici si aggiunge il consumo industriale.
Tra le proprietà dell’acqua ricordiamone alcune: l’acqua:
– È un composto molto stabile che a temperatura ambiente e alla pressione di 1 atm, si trova allo stato liquido;
– Allo stato naturale contiene sali disciolti; la sua purificazione non presenta particolari difficoltà;
– Allo stato puro, ( ovvero quando non contiene sali disciolti) è un cattivo conduttore di elettricità;
– È il solvente più comune, a causa della polarità della sua molecola;
– Ha un’elevata temperatura di ebollizione, perché le sue molecole formano legami a idrogeno;
– Ha una densità “anomala”, poiché la densità dell’acqua liquida è maggiore di quella dell’acqua solida (ghiaccio); ciò determina il galleggiamento del ghiaccio che, agendo da isolante termico nei confronti della massa d’acqua sottostante, ne impedisce il congelamento; di conseguenza, al di sotto dello strato di ghiaccio superficiale la vita continua.
L’acqua meteorica non è acqua pura, ma contiene varie sostanze disciolte, tra cui alcuni gas, quali l’ossigeno, l’azoto e il biossido di carbonio.

Durante il dilavamento sulla superficie terrestre, l’acqua scioglie molti sali e si arricchisce, perciò di molti ioni, quali Na+, K+, Mg2+, Ca2+, Fe2+, Cl-, SO42-, HCO3-.
Per l’organismo umano l’acqua costituisce un composto fondamentale, in quanto vi esplica moltissime funzioni; ricordiamo in particolare: il trasporto e la distribuzione ai vari tessuti delle sostanze nutritive; la partecipazione a molte reazioni chimiche; l’agevolazione, mediante i reni, la pelle e l’intestino, dell’eliminazione delle sostanze di rifiuto; il contributo alla regolazione della temperatura corporea; il conferimento ai tessuti della necessaria elasticità e consistenza.
L’acqua destinata all’alimentazione dell’uomo deve essere potabile ovvero deve essere bevuta senza arrecare danno all’organismo. L’acqua per essere definita potabile deve possedere i seguenti requisiti:
• Essere incolore, inodore e di sapore gradevole
• Essere batteriologicamente pura
• Avere, alla sorgente, un temperatura compresa tra 9 e 12 °C

• Contenere disciolti, in un litro, una quantità di sali compresa tra 0.5 e 1.5 g

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On