Blog

cioccolato bianco-chimicamo

Cioccolato bianco

  |   Chimica, Tutto è Chimica

Il cioccolato bianco fu ottenuto in Svizzera dalla Nestlé e le prime barrette  messe in commercio intorno al 1930.  Fu  creato per utilizzare l’eccesso di burro di cacao derivante dalla lavorazione del cioccolato.

Il cioccolato non ha una storia molto antica: nel 1847 a Bristol  i fratelli Fry lo ottennero per la prima volta. Prima di allora il cacao mescolato a zucchero, latte ed altre sostanze costituiva una bevanda molto diffusa.

 

Composizione

Il cioccolato bianco infatti non contiene cacao ma è costituito da burro di cacao, zucchero e latte. La specie che conferisce al cioccolato bianco il suo sapore, colore e consistenza è il burro di cacao. Esso è contenuto almeno in ragione del 20% ma può raggiungere percentuali più alte fino al 33%. L’elevata quantità di burro di cacao costituisce un pregio per la cioccolata bianca che diventa più ricca e cremosa e dal sapore più sfumato.

Tuttavia il burro di cacao, dopo essere  separato dai semi ha un sapore troppo intenso e pertanto è sottoposto a un processo per deodorizzarlo onde ottenere un prodotto dal colore bianco avorio e dal sapore neutro.

L’elevato contenuto di burro di cacao e l’assenza di cacao rende la coccolata bianca più burrosa e ricca rispetto alla cioccolata fondente.

Tuttavia contiene un maggior numero di grassi e zuccheri. Inoltre non contiene quelle sostanze tipiche della cioccolata ed in particolare la teobromina che ha azione antiossidante e benefici effetti sulla salute.

Pur non contenendo grassi idrogenati artificialmente il burro di cacao presenta esso presenta un elevato contenuto di grassi saturi.  In particolare vi sono l’acido palmitico CH3(CH2)14COOH, l’acido stearico CH3(CH2)16COOH oltre che di grassi insaturi come l’acido oleico CH3(CH2)7CHCH(CH2)7COOH.

Il cioccolato bianco in Italia, forse per una questione di gusti o  per il convincimento che sia poco salutare e contenga troppi grassi, risulta essere il meno gradito. Infatti essi raggiunge solo il 5% del mercato della cioccolata.

Esso è sconsigliato inoltre in caso di intolleranza al lattosio sebbene, per la presenza del latte in polvere in esso contenuto contiene una elevata concentrazione di calcio

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi