Chimica : impossibile farne a meno

La chimica fa parte del nostro quotidiano anche se pochi se ne rendono conto sottovalutandone il contributo irrinunciabile . La chimica si cela in tutte le cose che ci circondano .Pensiamo ai saponi , agli indumenti colorati , alle lenti a contatto , ai farmaci che curano le nostre malattie , ma anche alle celle a combustibile che sostituiranno i carburanti tradizionali annullando l’impatto ambientale . I prodotti e i processi chimici fanno parte della nostra vita e questa sezione è dedicata a quanti vogliono attingere notizie su sostanze di uso quotidiano.

Cosmetici , igiene del corpo .

Da millenni l’uomo fa uso di sostanze a migliorare il proprio aspetto e per la pulizia personale. Al giorno d’oggi qualsiasi cosmetico deve essere testato al fine di dimostrarne scientificamente la propria innocuità e i prodotti che pervengono nelle mani del consumatore hanno subito controlli tossicologici .

Pulizia della pelle

L’acqua è un detergente del tutto innocuo per la pelle sana , ma scarsamente efficace , in quanto essendo una sostanza polare non è in grado di sciogliere i grassi . Si usano allo scopo i saponi che possono essere sia naturali che sintetici. Il sapone è costituito da una miscela di sali alcalini di acidi grassi ad alto peso molecolare e vengono preparati tramite il processo della saponificazione , ovvero tramite l’idrolisi alcalina di grassi di origine animale e vegetale. I sali sodici degli acidi carbossilici hanno un pH alcalino (9.0 – 10.5). Tuttavia essendo il pH della pelle pari a 5.5 tali saponi risultano essere particolarmente aggressivi . Sono stati formulati alcuni saponi che hanno un pH acido come quello della pelle  risultando essere non solo più compatibili ma anche atti a preservarne il pH che , essendo moderatamente acido , costituisce la prima barriera all’attacco di agenti patogeni che proliferano a valori di pH compresi tra 7.2 e 7.6.

I saponi fini o da toeletta sono quelli più comunemente usati per l’igiene personale. Vengono prodotti a partire da acidi grassi purissimi e contengono acidi grassi saponificati di cocco , di palma e di oliva.

I saponi possono inoltre contenere :

1)         essenze profumate che tuttavia costituiscono la causa principale dell’irritazione e dei danni arrecati alla pelle dai saponi.

2)        sostanze stabilizzanti che servono a evitare l’irrancidimento

3)        sequestranti che sono composti quali il citrato di sodio capaci di formare , con ioni metallici presenti nelle soluzioni acquose complessi solubili cosicché la soluzione non mostra più le reazioni caratteristiche degli ioni di quel metallo.

4)        unguenti che consentono una pulizia delicata della pelle e sono costituiti da lanolina e da i suoi derivati . L’aggiunta di questi prodotti influisce sulla qualità della schiuma e sull’aspetto lucente e liscio della saponetta.

5)        deodoranti che sono sostanze in grado di non far proliferare batteri che provocano la decomposizione del sudore e di impedire la formazione di cattivi odori.

I saponi per bambini contengono speciali additivi come l’azulene , l’olio di germoglio di frumento , albumina del latte e non devono assolutamente contenere idrossidi alcalini liberi che irriterebbero la pelle delicata del bambino.

Un’attenzione particolare và   ai saponi medicamentosi che sono saponi duri contenenti agenti disinfettanti quali lo zolfo , il catrame e il clorofenolo.

Il sapone allo zolfo è indicato per pelli impure come quelle degli adolescenti. L’azione dello zolfo è quella di disinfettare ed asciugare una pelle troppo untuosa senza seccarla .Infatti la pelle impura e/o acneica è una pelle molto sensibile :  più la si sgrassa più grasso si forma per cui bisogna detergerla senza aggredirla.

Il sapone al clorofenolo è indicato per la disinfezione delle mani esplicando un’azione antisettica e disinfettante.

Gel per la pulizia della pelle. Possono essere usati per la pulizia della pelle senza impiegare acqua quindi risultano particolarmente comodi in viaggio.

Detergenti per pelli molto sporche ( paste lava mani) . Uniscono all’azione detergente dei tensioattivi anche l’azione abrasiva, fondamentale per rimuovere lo sporco La presenza di glicerina mantiene la naturale morbidezza delle mani.

Bagnoschiuma

Vengono usati per lavare e rinfrescare la pelle durante il bagno in vasca. Tali prodotti formano una ricca schiuma e conferiscono un piacevole profumo , inoltre a differenza dei saponi non formano Sali insolubili e depositi sulle pareti della vasca da bagno.

Il bagnoschiuma è ben tollerato dalle pelli normali o grasse, mentre nel caso di pelli secche è meglio spalmarsi di creme grassi dopo il bagno. Spesso vengono aggiunte essenze profumate di origine sintetica o estratti di erbe per conferire proprietà rinfrescanti o rilassanti. I bagnoschiuma possono contenere anche addolcenti delle acque .

Sono in commercio bagnoschiuma a pH 3.5 indicati per l’igiene quotidiana e sono indicati se si frequentano palestre , piscine e impianti sportivi o se si lavorain ambienti ad alto rischio di contaminazione batterica. Sono dotati di un buon potere detergente e schiumogeno e di un basso potere delipidizzante oltre che di un basso rischio di irritazione cutanea.

Il bagnoschiuma può essere anche a pH 5.5 adatti a pelli particolarmente sensibili , facili alle reazioni allergiche e agli arrossamenti. Possono contenere le proteine del riso ad azione antirritante o alla malva con proprietà addolcenti.

Il sapone al catrame di pino ( quello al catrame di carbone oggi è vietato nell’Unione Europea) è un efficace germicida e fungicida e allevia i sintomi delle malattie cutanee tra cui la psoriasi e l’acne.

Prodotti per la cura e la protezione della pelle

Lo scopo di questi prodotti è quello di compensare le perdite di grassi e umidità causati da lavaggi, dalle condizioni climatiche e ambientali e di proteggere l’epidermide dall’essiccamento.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On