Bolle di sapone

Anche nel terzo millennio probabilmente non c’è bambino che non abbia giocato con le bolle di sapone dai colori iridescenti che, una volta formate, si librano nell’aria per poi scoppiare.

Un tempo era un gioco per tutti i bimbi anche quelli che non potevano permettersi di avere giocattoli costosi perché la soluzione con cui potevano essere fatte veniva spesso preparata in casa utilizzando del semplice sapone per i piatti e acqua.
Ora si vendono, a un prezzo abbordabile, un kit con la soluzione già pronta e l’apposita bacchetta di plastica.
Come accade in molti casi ci sono sempre le leggi della chimica e regolare questo fenomeno che incanta spesso anche gli adulti oltre che i bambini.
Una molecola di sapone è costituita da una lunga catena carboniosa e pertanto idrofoba che reca ad una estremità un gruppo carbossilato –COO- di tipo idrofilo.
Quando il sapone viene solubilizzato in acqua che è una molecola polare in cui l’ossigeno ha una parziale carica negativa e l’idrogeno ha una parziale carica positiva si formano delle micelle ovvero delle piccole sfere
rivestite all’esterno di gruppi polari idrofili e contenenti all’interno la parte idrofoba delle molecole di sapone.
Le molecole di sapone si comportano da tensioattivi ovvero sostanze in grado di abbassare la tensione superficiale dei liquidi. Nelle bolle di sapone si formano tre strati sottilissimi costituiti da uno strato lamellare di molecole di acqua tra due strati di molecole di sapone che diminuiscono la tensione superficiale a circa 1/3.

Il sistema lamellare ha una sua specifica elasticità e resistenza da cui dipende la possibilità di ottenere bolle dalle caratteristiche più svariate.
L’abbassamento della tensione superficiale dell’acqua stabilizza la bolla grazie al cosiddetto effetto Marangoni secondo cui si verifica un trasferimento di massa lungo un’interfaccia a causa di un gradiente superficiale.
Infatti poiché un liquido con una tensione superficiale maggiore esercita una forza maggiore sul liquido circostante rispetto un liquido con una bassa tensione superficiale, la presenza di un gradiente di tensione superficiale fa sì che il liquido scorra via da regioni a bassa tensione superficiale.
Quando una bolla si ingrandisce la concentrazione del sapone diminuisce provocando un aumento della tensione superficiale che tende a non far ingrandire ulteriormente la bolla e riduce l’evaporazione.
La tensione superficiale gioca un ruolo anche sulla forma di una bolla di sapone che si presenta sferica essendo la sfera il solido che ha il minor rapporto superficie/volume.
Una volta formate le bolle di sapone dopo aver volteggiato nell’aria scoppiano perché l’acqua contenuta nello strato intermedio a causa della forza di gravità tende ad andare verso il basso e la pellicola nella parte superiore diventa via via sempre più sottile fino a rompersi.
L’iridescenza delle bolle di sapone è dovuta all’interazione tra la luce solare e il film non perfettamente uniforme della bolla di sapone.
Quando la luce colpisce il film alcuni raggi vengono riflessi dalla superficie e altri penetrano all’interno e vengono riflessi dopo aver subito una deviazione.
Inizialmente, quando la bolla è più spessa viene assorbita la componente rossa della luce solare che ha la maggiore lunghezza d’onda e viene riflessa la componente blu e verde. Quando il film si assottiglia si ha assorbimento nel giallo e riflessione nel blu e poi assorbimento nel verde e riflessione nel magenta e infine assorbimento nel blu riflettendo il colore giallo oro fino alla scomparsa della colorazione.

Author: Chimicamo

Share This Post On