Aloe vera: rimedio per le scottature

Una eccessiva esposizione alla luce del sole senza una adeguata protezione  provoca un processo infiammatorio che si manifesta con l’arrossamento della pelle che diventa ipersensibile e successivamente si copre di bollicine che nei casi più seri possono riempirsi di siero.

Questa manifestazione, detta eritema solare, è una vera e propria ustione provocata dai raggi ultravioletti che, oltre ad abbronzare la pelle inducendo la produzione di melanina, provocano effetti dannosi che dipendono oltre che dal tempo di esposizione, dall’ora del giorno in cui ci si espone, anche dal fototipo della pelle che varia da persona a persona.

Una volta che il danno si è verificato occorre correre ai ripari o mediante terapia farmacologica sotto il controllo medico nei casi più estremi o con metodi tradizionali come impacchi di acqua fredda,  bagno in acqua contenente amido di riso, decotti al tiglio, calendula e camomilla o altri metodi cosiddetti della nonna.

Tra le terapie alternative a quella farmacologica si può ricorrere ai benefici dell’Aloe vera, pianta succulenta, utilizzata per millenni in Egitto dove era denominata pianta dell’immortalità, Grecia dove era considerata una panacea universale, India, ma anche in Messico, Giappone e Cina per le sue proprietà salutari  citata nella Bibbia e in molteplici documenti storici che nel tempo ne hanno decantato le straordinarie proprietà medicamentose.

L’Aloe vera è una pianta della famiglia delle Aloeaceae  che predilige climi caldi e secchi  il cui studio con metodologie scientifiche iniziò nel 1959 grazie allo statunitense Bill Coats che mise a punto un processo per stabilizzare la polpa che evitava i problemi connessi a processi ossidativi e fermentativi ; il governo americano dichiarò ufficialmente le proprietà curative della pianta nel trattamento delle ustioni.

L’Aloe vera che viene commercializzata in lozioni, gel e spray, è costituita da un insieme complesso di componenti che possono essere classificati in: vitamine, enzimi, minerali, zuccheri, antrachinoni, acidi grassi, amminoacidi, lignina, saponine, steroli,acido salicilico.
Ciascuno dei componenti ha proprietà benefiche in molte problematiche e spesso il loro effetto sinergico produce effetti curativi  come ad esempio nella cicatrizzazione delle ferite,  per le sue proprietà immunostimolanti, antinfiammatorie, depurative, nutrienti e remineralizzanti, lenitive, coagulante, antimicrobiche, antidolorifiche e nella cura della pelle, dei capelli e dei denti.

E’ uno dei rimedi più noti per il trattamento della pelle danneggiata dal sole dando un effetto immediato di raffreddamento, riducendo il dolore e il gonfiore dalle scottature e limitandone i danni permanenti causati dai raggi UV. L’aloe vera funziona da astringente e se applicata con una piccola quantità di olio, come olio di cocco o di avocado, mantiene la pelle umida prevenendo la disidratazione.

In relazione all’effetto benefico contro i danni da scottature e ustioni non si conosce, al momento, il meccanismo di azione, ma, a seguito dell’applicazione sulle parti interessate, viene generata sulla pelle la metallotioneina che è una proteina antiossidante che distrugge i radicali liberi, impedisce la soppressione della superossido dismutasi che esercita un potente effetto rigenerante su dei tessuti degenerati e della glutatione perossidasi antagoniste dei radicali liberi.

E’ quindi evidente che le proprietà dell’Aloe vera decantate nell’antichità sono avvalorate da dati scientifici; tuttavia sebbene siano stati eseguiti diversi studi, anche molto interessanti, sui singoli costituenti, è emerso che le sue multiformi proprietà sono legate al particolare sinergismo che la natura riesce a mettere a disposizione con la pianta stessa.

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On