anilina Tag

  |   Chimica, Chimica Organica

Reazione di Sandmeyer

Una reazione ampiamente utilizzata in chimica organica è la reazione di Sandmeyer, in cui si formano alogenuri arilici da derivati ​​dell'anilina tramite un intermedio diazonio utilizzando alogenuri di rame. Il chimico svizzero Traugott Sandmeyer nel 1884 trovò il metodo per trasformare i sali di arildiazonio in...

Read More
04 Maggio
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Basi di Schiff

Il chimico tedesco naturalizzato italiano Hugo Schiff nell’ambito dei suoi studi sulle immine scoprì nel 1864 dei composti che, in suo onore, si chiamano basi di Schiff. Le basi di Schiff sono prodotte dalla condensazione di ammine primarie con composti contenenti un gruppo carbonilico. La caratteristica...

Read More
03 Agosto
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Acido solfanilico

L' acido solfanilico il cui nome I.U.P.A.C. è acido 4-amminobenzensolfonico è un acido solfonico ovvero un acido organico derivante dallo zolfo in cui uno dei sostituenti legati ad esso è un gruppo alchilico o arilico. Ha formula C6H7NO3S e struttura: Proprietà L’acido solfanilico si presenta sotto forma di...

Read More
15 Dicembre
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Difenilammina

La difenilammina il cui nome I.U.P.A.C. è N-fenilanilina è un’ammina secondaria in cui sono legati due gruppi fenilici con l’azoto e ha formula (C6H5)2NH. La difenilammina è presente nelle acque reflue dei processi industriali. Proprietà Si presenta come un solido incolore, con un odore floreale, scarsamente solubile...

Read More
30 Settembre
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Acetanilide

L’acetanilide il cui nome I.U.P.A.C. è N-feniletanammide è un solido poco solubile in acqua a temperatura ambiente e solubile in etanolo, etere etilico, acetone e benzene. Ha formula C8H9NO e struttura Basicità L’acetanilide è un’ammide aromatica e come le ammidi ha una bassa basicità. La debolissima basicità...

Read More
28 Agosto
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Nitrobenzene

Il nitrobenzene è un liquido di colore giallo pallido e dall’odore di mandorle amare altamente tossico, poco solubile in acqua ma solubile in solventi organici. Il nitrobenzene è un composto organico costituito da un anello benzenico coni un idrogeno è sostituito da un nitrogruppo -NO2 ....

Read More
04 Settembre
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Azocomposti

Gli azocomposti sono composti organici che hanno formula generale R-N=N-R’ dove R e R’ possono essere gruppi sia alifatici che aromatici e si differenziano dai diazocomposti che hanno formula generale R2C=N2. Nel caso che i gruppi R siano aromatici questi composti hanno una particolare stabilità in...

Read More
27 Luglio
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Arilammine: reazioni

Le arilammine  contengono il gruppo amminico e l’anello aromatico e pertanto la loro reattività è influenzata dalla presenza di entrambi i gruppi. La delocalizzazione del doppietto elettronico solitario dell’azoto all’interno dell’anello benzenico riduce la basicità e la nucleofilicità dell’azoto. Aumenta tuttavia  la densità elettronica rendendo le...

Read More
28 Settembre
0
  |   Chimica, Chimica Generale, Chimica Organica

Azidi

Le azidi sono composti in cui è presente l’anione N3- stabilizzato dalle seguenti strutture di risonanza: Delle tre strutture, due delle quali presentano un azoto con due cariche negative, quella che apporta il maggior contributo è quella centrale in cui c’è la maggior delocalizzazione. Le azidi possono...

Read More
07 Luglio
0
  |   Chimica, Chimica Organica

Fenolo sostituito: acidità

Il fenolo ha una maggior acidità  dovuta sia all’effetto induttivo essendo il benzene un gruppo elettronattrattore che al fatto che la sua base coniugata  ovvero l’anione fenossido C6H5O– è stabilizzata per risonanza potendo delocalizzare la carica negativa all’interno dell’anello benzenico Contrariamente agli alcoli alifatici che hanno un valore...

Read More
19 Gennaio
2
  |   Chimica, Chimica Organica

Coloranti acidi

I coloranti sono sostanze chimiche che hanno la caratteristica di conferire una colorazione a un certo substrato tra cui tessuti, pellami, carta, alimenti e inchiostri. Nell’antichità i coloranti erano estratti da minerali, fiori, frutti, insetti, radici, molluschi e cortecce.  Il giovanissimo chimico britannico William Henry Perkin...

Read More
09 Luglio
0