Blog

Punto isoelettrico-chimicamo

Punto isoelettrico

  |   Chimica, Chimica Generale, Stechiometria

Ipunto isoelettronico è il pH al quale l’amminoacido non migra in un campo elettrico ovvero quando la forma zwitterionica è dominante

Gli amminoacidi sono una classe di composti organici anfoteri: essi infatti contengono nella loro molecola almeno un gruppo carbossilico acido -COOH e almeno un gruppo amminico basico -NH2 che negli amminoacidi naturali si trova in posizione α rispetto al carbossile. Quindi possiamo così schematizzare il tipo più semplice: H2N-R-COOH

Allo stato solido gli amminoacidi si presentano come sostanze cristalline che si decompongono solo alle alte temperature, insolubili nei solventi non polari e molto solubili in acqua, dotate di momento dipolare, per cui le loro soluzioni presentano alta costante dielettrica. Tutte queste proprietà fanno prevedere che la struttura degli amminoacidi solidi sia simile a quella di un sale inorganico: è  dimostrato infatti che la loro struttura è quella di uno ione dipolare (zwitterione): +H3N-R-COO che presenta una carica netta uguale a zero e pertanto non dà migrazione elettroforetica.

Zwitterione

La carica netta presente in una molecola anfolitica, come quella di un amminoacido, è influenzata dal pH: si definisce punto isoelettrico il valore di pH al quale l’amminoacido esiste solo nella forma zwitterionica.

Per un amminoacido che presenta solo un gruppo carbossilico e solo un gruppo amminico il punto isoelettronico è determinato considerando:

  • la tendenza del gruppo amminico protonato a deprotonarsi
  • il gruppo carbossilico deprotonato ad acquistarne uno.

Per un amminoacido contenente solo un gruppo –COOH e un gruppo –NH2 come, ad esempio, la glicina caratterizzato da una pKa1 e una pKa2 relative all’acido carbossilico e al gruppo amminico, il punto isoelettrico è dato dalla semisomma delle due costanti:

pI = pKa1 + pKa2 /2

Esempi

Ad esempio per la glicina che ha pKa1 e  pKa2 rispettivamente pari a 2.34 e 9.6 il punto isolelettrico è dato da 2.34 + 9.6/2= 5.97

Nel caso in cui la catena R presenti un ulteriore gruppo acido  ionizzabile, come nel caso dell’acido aspartico, vi è una terza costante di dissociazione pKa3.

I valori delle pKa sono rispettivamente pKa1 = 1.88 relativa al gruppo carbossilico legato al carbonio in α, pKa2 = 9.60 relativa al gruppo amminico e pKa3 = 3.65 relativa al gruppo carbossilico legato alla catena laterale.

La forma neutra dell’acido aspartico si trova a un pH compreso tra 1.88 e 3.65

forma neutra

Il punto isoelettrico dell’acido aspartico è dato dalla semisomma di pKa2 e pKa3 ovvero è dato da 1.88 + 3.65/2= 2.77

Nel caso in cui la catena R presenti un ulteriore gruppo basico ionizzabile, come nel caso dell’istidina che presenta i seguenti valori di pKa: pKa1 = 1.77, pKa2 = 6.10 e  pKa3 =9.18 essa presenterà una forma neutra tra un pH compreso tra 6.10 e 9.18.

Il punto isoelettrico è dato quindi dalla semisomma tra i valori di pKa2 e pKa3 ovvero è dato da: 6.10 + 9.18 /2 = 7.64

istidina

 

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi