Blog

Un nuovo materiale ottenuto presso il MIT- chimicamo

Un nuovo materiale ottenuto presso il MIT

  |   Chimica, News

Un nuovo materiale è stato scoperto dal prestigioso Massachusetts Institute of Technology. Esso ha di recente pubblicato una invenzione relativa a un nuovo composto. Esso ha funzioni sorprendenti in grado di aprire scenari inaspettati.

Sulla scia delle ricerche effettuate sui cloroplasti, organuli presenti negli organismi vegetali in grado di produrre clorofilla e quindi di svolgere processi fotosintetici, gli ingegneri chimici del MIT sono stati in grado di ottenere un materiale in grado di accrescersi, rinforzarsi e auto-ripararsi a contatto con il biossido di carbonio presente nell’aria.

Se la superficie è graffiata o incrinata, l’area interessata cresce per colmare le lacune e riparare il danno, senza richiedere alcuna azione esterna.

Comportamento del nuovo materiale

Il nuovo materiale ottenuto imita il comportamento delle piante sottraendo l’anidride carbonica dall’aria. Esso è trasformata in un materiale solido utile  contribuendo alla battaglia contro il cambiamento climatico globale.

La vita dei cloroplasti una volta estratti dalle cellule è stato il primo oggetto di studio.

Essi infatti svolgono un’azione catalitica nella reazione ma sono instabili e hanno breve esistenza. Il  team di ricercatori è riuscito, tuttavia, ad aumentare la loro vita al di fuori della cellula.

Tuttavia per il Prof. Michael Strano, a capo del team di ricercatori, i cloroplasti possono essere sostituiti con catalizzatori di origine non biologica sia in lavori futuri che nella ricerca ancora in corso.

Il nuovo materiale ha una matrice di gel costituita da un polimero derivante dalla amminopropil metacrilammide, glucosio e da glucosio ossidasi, enzima appartenente alla classe delle ossidoreduttasi oltre che dai cloroplasti.

Il materiale utilizzato dai ricercatori, una matrice di gel composta da un polimero composto da amminopropil metacrilammide (APMA), glucosio, un enzima chiamato glucosio ossidasi e i cloroplasti, diventa più forte in quanto incorpora il carbonio.

A breve sarà quindi possibile ottenere materiali utilizzabili come rivestimenti per le proprietà auto-riparanti del materiale. Occorrono ulteriori ricerche per sostituire materiali da costruzione come il cemento rappresentando un’alternativa ecocompatibile e rispettosa dell’ambiente.

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi