Nuovo simulatore di prestazioni per la CPU

Il termine multicore viene usato per descrivere una CPU (unità di elaborazione centrale), ovvero una tipologia di processore digitale general purpose che sovrintende tutte le funzionalità del computer.

Il compito della CPU è quello di eseguire le istruzioni di un programma presente nella memoria. Durante l’esecuzione del programma la CPU legge o scrive dati in memoria.

Le più grandi aziende produttrici di semiconduttori (microprocessori, dispositivi di memoria, circuiti di supporto alle telecomunicazioni e alle applicazioni informatiche) hanno messo a punto configurazioni multicore  fino a 8 core, 10 o addirittura 12 core. I ricercatori delle università e delle multinazionali stanno lavorando  per migliorare la prestazione di un chip multicore e vi è la possibilità di ottenere fino 24 o 48 core.

Se la tecnologia dovesse progredire con il ritmo degli ultimi anni, cosa che ha consentito di raddoppiare la potenza dei chips ogni 18 mesi, si può prevedere che in tempi brevi si possano ottenere a breve chips a centinaia se non migliaia di core. Tuttavia, se il numero di core dovesse aumentare ulteriormente si potrebbero  avere introdurre grossi problemi di funzionamento e nessun produttore di chips introdurrà nel mercato un chip innovativo senza avere prove inconfutabili che esso funzioni come pubblicizzato.

Come strumento di ricerca, un gruppo del MIT specializzato nella strutturazione dei computer ha sviluppato un simulatore software, chiamato Hornet, che valuta  la prestazione di un chip multicore in modo molto più accurato di quanto facciano quelli che sono tecnologicamente meno avanzati. Al quinto simposio internazionale sulle reti on chip del 2011, il gruppo ha ricevuto un premio per il lavoro fatto in cui essi hanno usato un simulatore per analizzare una promettente tecnologia  multicore computing trovando un grosso difetto che gli altri simulatori non avevano rilevato. In ricercatori, a breve presenteranno, sul prossimo numero di IEEE Transactions on Computer-Aided Design of Integrated Circuits and Systems,una nuova versione del simulatore che  tiene conto sia di fattori di consumo che di comunicazione tra i cores oltre che dei tempi di elaborazione dei singoli compiti e dei problemi relativi alla memoria di accesso.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On