Blog

Serotonina

  |   Chimica, Chimica Organica

La serotonina è un neurotrasmettitore monoamminico presente nel sangue, nel tratto gastrointestinale e nel sistema nervoso centrale nell’uomo. Il farmacologo italiano Vittorio Erspamer isolò per la prima volta la serotonina, nota come “ormone del buonumore” nel 1935.

Struttura

È un derivato della triptammina che contiene un anello indolico in cui, in posizione 3 è presente il gruppo amminico -CH2CH2NH2.

triptamminaRispetto alla triptammina la serotonina presenta un gruppo -OH in posizione 5 ed è detta 5-idrossitriptammina (5-HT)

serotoninaSintesi

La serotonina è sintetizzata dal triptofano che è un amminoacido essenziale ovvero amminoacidi indispensabili che l’organismo non è in grado di sintetizzare ma vanno assunti con gli alimenti. Ciò implica che il corpo non lo produce in modo endogeno, ma può essere ottenuto solo da fonti alimentari. Gli  alimenti che contengono triptofano sono, in particolare, albume d’uovo, formaggi, carni come maiale, pollo e tacchino.

La sintesi avviene per via enzimatica in due stadi. Nel primo stadio il triptofano è convertito in 5-idrossi-L-triptofano grazie all’enzima triptofano idrossilasi appartenente alla classe delle ossidoreduttasi.

Nel secondo stadio il 5-idrossi-L-triptofano è convertito in serotonina in un processo di decarbossilazione grazie all’enzima aromatico L-amminoacido decarbossilasi appartenente alla classe delle liasi.

Questa reazione richiede l’attività del cofattore piridossal-5-fosfato la forma attiva della vitamina B6.

sintesi serotoninaFunzioni

Agisce su tutto il corpo, dalle emozioni alle capacità motorie ed è considerata uno stabilizzatore naturale dell’umore. È la sostanza chimica che aiuta, tra l’altro, a dormire, mangiare e digerire. La serotonina aiuta anche a:

  • ridurre la depressione
  • regolare l’ansia
  • guarire le ferite
  • mantenere la salute delle ossa

Poiché coinvolge molti processi corporei, avere quantità inadeguate del neurotrasmettitore può portare a problemi sia psicologici che fisiologici. Alcuni sintomi associati alla carenza di serotonina possono essere raggruppati nelle seguenti categorie:

  • Psicologici: disturbo d’ansia e di panico, depressione , aggressività, scarso controllo degli impulsi, insonnia , irritabilità, bassa autostima, disturbi alimentari, disturbo ossessivo-compulsivo
  • Cognitivo: scarsa memoria e affaticamento
  • Fisiologico: voglia di carboidrati, aumento di peso non intenzionale, nausea, problemi digestivi, scarso appetito