Blog

Piromorfite

  |   Chimica, Chimica Generale

La piromorfite è un minerale appartenente al gruppo dell’apatite costituita da clorofosfato di piombo ed ha formula Pb5(PO4)3Cl.

Allo stesso gruppo appartengono altri due minerali ovvero fa parte di una serie la mimetite Pb5(AsO4)3Cl e la vanadinite Pb5(VO4)3Cl.  La somiglianza nei caratteri esterni tra questi tre minerali è così spiccata che, di regola, è possibile distinguerli solo mediante test chimici.

Il gruppo fosfato presente nel minerale fu identificato dal chimico tedesco Martin Heinrich Klaproth nel 1784.

Il geologo tedesco Johann Friedrich Ludwig Hausmann nel 1813 attribuì questo nome al minerale da  piro- e μορϕή dal greco forma con riferimento alla forma globulare che il minerale assume con il riscaldamento.

Diffusione

È un  minerale di piombo secondario che si trova nelle zone ossidate dei depositi di piombo. La piromorfite è spesso associata ad altri minerali secondari di piombo, come cerussite, limonite e angelesite. Si forma nelle rocce metamorfiche e sedimentarie ed è un minerale relativamente comune. Insieme  alla wulfenite è ricercato dai collezionisti e i cristalli di pregio particolare si rinvengono in Cina, Francia, Namibia, Marocco, Messico, Repubblica Ceca e negli Stati Uniti in particolare in Arizona e Idaho.

Proprietà

Si presenta di colore da verde chiaro a verde scuro, giallo, verde-giallastro, giallo-arancio, sfumature di marrone, bianco e incolore. Può contenere impurità di fluoro, calcio, cromo, vanadio e arsenico.

Come gli altri minerali contenenti piombo ha un peso specifico elevato da 6.9 a 7.1. Presenta una durezza da 3.5 a 4 nella scala di Mohs. Ha un indice di rifrazione molto alto e può produrre gemme brillanti particolarmente ricercate.

Usi

È anche un minerale popolare tra i collezionisti, in particolare gli esemplari antichi, così come i reperti più recenti di piromorfite di colore verde neon brillante raggiungono prezzi molto elevati