Blog

ossido di berillio-chimicamo

Ossido di berillio

  |   Chimica, Chimica Generale

L’ ossido di berillio chiamato anche berillia è un composto avente formula BaO che si trova nel minerale molto raro bromellite. È presente nel berillo, ciclosilicato di berillio e alluminio con formula 3 BeO· Al2O3· 6 SiO2

È caratterizzato da un’elevata conduttività termica pur essendo un buon isolante elettrico. Queste proprietà, oltre che il suo alto punto di fusione che è di 2507°C , rendono il composto utilizzabile in molti campi.

Proprietà

Unitamente a molti altri ossidi tra cui quello di zinco, alluminio, stagno, piombo e cromo l’ossido di berillio ha un comportamento anfotero. Esso, infatti può reagire sia con gli acidi che con le basi. È scarsamente solubile in acqua ma è solubile in acido solforico concentrato e idrossido di potassio fuso.

Presenta il fenomeno del polimorfismo. Infatti a bassa temperatura è esagonale e ad alta temperatura è tetragonale. Inoltre è dotato di un’elevata resistività e buone proprietà meccaniche.

Sintesi

È ottenuto attraverso diverse vie sintetiche. Un metodo consiste nella calcinazione del carbonato di berillio da cui si ottiene l’ossido metallico e biossido di carbonio:

BeCO3  → BeO + CO2

Può essere ottenuto dalla decomposizione dell’idrossido di berillio secondo la reazione:

Be(OH)2 → BeO + H2O

Si ottiene per combustione del berillio in aria secca:

2 Be + O2 → 2 BeO

Reazioni

Reagisce con acido solforico concentrato per dare solfato di berillio:

BeO + H2SO4 → BeSO4 + H2O

Reagisce con idrossido di sodio a una temperatura tra 250 e 300°C per dare metaberillato di sodio e acqua:

BeO + 2 NaOH → Na2BeO2 + H2O

Usi

A causa del suo elevato punto di fusione trova applicazione nei crogioli refrattari utilizzati nella fusione di metalli o leghe metalliche

Nei reattori nucleari, l’ossido di berillio riflette i neutroni  aumentandone  il flusso e ciò rende possibile una reazione con meno materiale fissile. Allo stesso tempo è un moderatore in quanto rallenta i neutroni e ciò consente la fissione nucleare.

È utilizzato negli isolanti elettrici, circuiti elettrici, circuiti integrati e microchips. Inoltre a causa della sua bassa densità trova utilizzo nel campo aerospaziale

 

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi