Blog

Olio essenziale di arancio dolce

  |   Chimica, Tutto è Chimica

L’ olio essenziale di arancio dolce è uno dei più diffusi per le sue caratteristiche e per i suoi usi. Contrariamente agli altri oli essenziali presenta il vantaggio di essere un sottoprodotto della produzione di succo di arancia. Esso ha quindi  costi contenuti.

Proprietà

A seconda dell’origine, del luogo, della stagione e del metodo utilizzato per l’ottenimento presenta caratteristiche variabili. È un liquido dal giallo al giallo-rossastro con il caratteristico odore di buccia d’arancia e può diventare torbido una volta raffreddato. L’olio spremuto a freddo è miscibile con alcool disidratato e solfuro di carbonio ed è solubile in acido acetico glaciale. Quando è riscaldato fino alla decomposizione emette fumo acre e fumi irritanti.

Composizione

La composizione, determinata tramite gascromatografia o spettrometria di massa, è variabile. Tuttavia vi sono composti che, pur in percentuali diverse, sono sempre presenti. Tra essi i composti prevalenti sono:

  • idrocarburi alifatici monoterpenici ed in particolare il limonene
  • monoterpeni biciclici come l’α-pinene e il Δ³-carene
  • monoterpeni come il mircene
  • alcol terpenici come il linalolo
  • aldeidi alifatiche come ottanale e decanale

Vi sono poi costituenti non volatili con punto di ebollizione più elevato che contribuiscono al sapore e al colore dell’olio essenziale di arancio dolce

Usi

È utilizzato per aromatizzare bevande, alimenti, profumi, saponi, detergenti, creme, lozioni, deodoranti e prodotti per la casa.

Il suo aroma dolce e agrumato lo rende utile per creare un gradevole profumo in casa.

Mostra proprietà antimicrobiche anche su alcuni ceppi batterici come quelli dello Staphylococcus aureus resistenti agli antibiotici.

Può anche prevenire la crescita di funghi che colpiscono le verdure e ha proprietà insetticide sulle larve delle mosche domestiche.

Contenendo alte percentuali di limonene è utilizzato come solvente per la pulizia di superfici anche di legno sporche di sostanze grasse.

Esso, tuttavia, può essere poco tollerato o costituire un allergene e deve essere quindi utilizzato con le giuste precauzioni