Blog

manganato-chimicamo

Manganato

  |   Chimica, Chimica Generale

Lo ione manganato è un anione poliatomico che ha formula MnO42- in cui il manganese presenta numero di ossidazione +6. Esso è la base coniugata dell’ipotetico acido manganico H2MnO4 che è così instabile da non poter essere isolato.

L’acido idrogenomanganico HMnO4, invece, può essere presente in soluzione ed ha un valore di pKa pari a 7.1 ed è pertanto circa 100 volte più basico dello ione acetato.

Nello ione manganato il manganese è legato a due atomi di ossigeno tramite legame doppio e a due atomi di ossigeno tramite legame semplice.

Pertanto esso si presenta in strutture stabilizzate per risonanza

Proprietà

I sali contenenti lo ione manganato hanno colore verde scuro e presentano un massimo di assorbimento a una lunghezza d’onda di 606 nm.

Ha geometria tetraedrica analogamente al permanganato. Gli anioni manganato, solfato e cromato hanno la stessa struttura e solubilità simili. Tuttavia, diversamente dal solfato e cromato, il manganato è paramagnetico.

Lo ione manganato è stabile in soluzione solo a pH molto elevati. Pertanto è presente come tale in soluzioni alcaline contenenti ioni che non formano idrossidi poco solubili come Na+ e K+

Sintesi

Lo ione manganato può essere ottenuto per riduzione del permanganato in soluzioni con valori di pH maggiori di 14 secondo la reazione:

4 MnO4 + 4 OH → 4 MnO42- + 2 H2O + O2

Un altro metodo prevede la reazione del biossido di manganese con ossigeno in soluzione alcalina:

2 MnO2 + O2 + 4 OH → 2 MnO42- + 2 H2O

Il manganato di potassio può essere ottenuto dalla reazione tra biossido di manganese, carbonato di potassio e ossigeno secondo la reazione:

2 MnO2 + 2 K2CO3 + O2 → 2 K2MnO4 + 2 CO2

Disproporzione

In presenza di acido cloridrico lo ione manganato subisce una disproporzione e si trasforma in permanganato e biossido di manganese. Si noti che il manganese presenta numero di ossidazione + 7 nel permanganato e + 4 nel biossido di manganese

Usi

I manganati sono utilizzati quali agenti ossidanti. Possono, infatti, ossidare per gli alcoli primari ad aldeidi e successivamente ad acidi carbossilici e gli alcoli secondari a chetoni

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi