Blog

Iodato

  |   Chimica, Chimica Generale

Lo iodato è un anione poliatomico avente formula IO3 in cui lo iodio ha numero di ossidazione +5 ed è ibridato sp3.

Lo iodato, base coniugata dell’acido iodico, presenta una geometria molecolare trigonale piramidale con angoli di circa 105°.

In natura è la forma più diffusa di iodio ed è contenuto nei minerali caliche, lautarite e brüggenite.

Preparazione

Si possono ottenere iodati dalle reazioni tra:

HIO3 + OH → IO3 + H2O

3 I2 + 6 OH → IO3 + 5 I + 3 H2O

Reazioni

Lo iodato reagisce con:

IO3 + 5 I + 6 H+ + 3 Cl → 3 ICl + 3 H2O

  • Lo iodio per dare dicloruro di iodio secondo una reazione di comproporzione:

IO3 +  2 I2 + 6H+ + 10 Cl → 5 ICl2+ 3 H2O

IO3 +3 SO32- → I + 3 SO42-

Determinazione della vitamina C

La concentrazione di vitamina C presente in una soluzione può essere determinata tramite titolazione ossidimetrica.

L’aggiunta di iodato a una soluzione acida contenente ioni ioduro dà luogo alla reazione di ossidoriduzione:

IO3 + 5 I + 6 H+ → 3 I2 + 3 H2O

Lo iodio formatosi nella reazione reagisce con l’acido ascorbico con formazione di ioduro e acido deidroascorbico.

Le due semireazioni coinvolte sono:

I2 + 2 e → 2 I (semireazione di riduzione)

e

acido ascorbico-chimicamoLo iodio in eccesso è retrotitolato con una soluzione di tiosolfato. Avviene la reazione

I2 + 2 S2O32- → 2 I+ S4O62-

 

in cui lo iodio liberato dalla prima reazione è determinato tramite titolazione con tiosolfato dando luogo a ioduro e tetrationato. Il punto finale della titolazione è evidenziato usando come indicatore la salda d’amido che a contatto con I2 dà una colorazione blu.

Sale iodato

Tra i tipi di sale quello più comunemente usato è il sale da cucina sia fine che grosso anche se negli ultimi anni ha trovato diffusione è il sale iodato contenente ioduro di potassio KI e iodato di potassio KIO3 che rappresenta un modo semplice per promuovere l’assunzione preventiva dello iodio al fine di prevenire carenza di iodio nell’alimentazione.