Blog

Barite-chimicamo

Barite

  |   Chimica, Chimica Generale

La barite è un minerale appartenente al gruppo della celestina costituito da solfato di bario che può trovarsi in depositi minerari metallici e non metallici. Il mineralogista tedesco Dietrich Ludwig Gustav Karsten nel 1800 denominò questo minerale dal greco βαρύς che significa pesante.

Si trova sotto forma di concrezioni ovvero aggregati cristallini a struttura granulare o fibrosa in calcari e dolomie. Infatti quando la roccia carbonatica è alterata dal fattori climatici possono trovarsi  grandi accumuli di barite a contatto con il suolo e il substrato roccioso.

Si rinviene nella sabbia e nell’arenaria sempre in forma di concrezioni che crescono man mano che la barite si cristallizza negli spazi interstiziali tra i granelli di sabbia. A volte i cristalli crescono in forme particolari note come rosa del deserto.

È  comune nelle vene idrotermali associata alle vene di minerali contenenti solfuro in associazione con antimonio, cobalto, rame, piombo, manganese e argento

Diffusione

Grandi giacimenti si trovano negli Stati Uniti in Georgia, Missouri, Nevada e Tennessee.  In Canada, il minerale è estratto nel territorio dello Yukon, Nuova Scozia e Terranova. In Messico vi sono giacimenti di barite a Hermosillo, Pueblo, Monterrey e Durango. Si trova in Cina, India, Brasile, Canada, Iran, Irlanda , Marocco e Liberia

Proprietà

Si presenta incolore, di colore bianco con sfumature chiare di blu, giallo, grigio o marrone.

Il peso specifico pari a 4.5 è insolitamente elevato e costituisce la principale caratteristica distintiva. Ha una bassa durezza pari a 2.5-3.5 nella scala di Mohs e, stante la sua composizione, è poco solubile negli acidi.

Usi

È utilizzata come agente di ponderazione nelle trivellazioni di petrolio e gas naturale. In questo processo è frantumata e mescolata con acqua e altri materiali che sono pompati nel foro e il peso di questa miscela contrasta la forza del petrolio e del gas sono rilasciati dal suolo. Ciò consente agli operatori delle piattaforme petrolifere e del gas di prevenire il rilascio esplosivo di petrolio e gas dal suolo.

È usata come additivo per vernici, smalti e materie plastiche, nella produzione dei cristalli.

Ha  la capacità unica di assorbire fortemente i raggi X e i raggi gamma. Di conseguenza è utilizzata in campo medico nella diagnostica radiologica a raggi X quale mezzo di contrasto. Si usa realizzare speciali contenitori utilizzati per immagazzinare materiali radioattivi mescolato al cemento. Un’applicazione più recente è nella produzione di pastiglie freno e frizioni per auto e camion.

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org