Blog

Xantofille-chimicamo

Xantofille

  |   Chimica, Chimica Organica

Le xantofille sono pigmenti presenti in natura dal tipico colore giallo fino al rosso e all’arancione  il cui nome deriva del greco ξανθός che significa giallo e φύλλα che significa foglie.

Il colore del tuorlo dell’uovo dipende dal tipo di alimentazione delle galline che, se sono nutrite con mangimi di qualità contenenti xantofille è di un colore giallo intenso.

Le xantofille, infatti, possono essere estratte dalle foglie delle piante tramite metodi cromatografici e mostrano una caratteristica banda gialla.

Appartengono alla famiglia dei carotenoidi e hanno la struttura del carotene ma contengono ossigeno presente sia come gruppo -OH che come epossido costituendo un ponte al posto di due atomi di idrogeno

struttura xantofille

Proprietà

Per questo motivo le xantofille sono molecole polari contrariamente ai caroteni da cui possono essere separate tramite cromatografia.

Le xantofille, come tutti i pigmenti, assorbono radiazioni di una determinata lunghezza d’onda riflettendo le altre radiazioni. Esse assorbono radiazioni con lunghezza d’onda diversa rispetto alle clorofille mostrando un tipico assorbimento nella zona del blu intorno ai 440 nm e pertanto, come previsto dalla teoria del colore, appaiono gialle.

Nelle piante servono come protezione dall’eccessiva luce solare prevenendone danni.

Alcune xantofille esercitano un’azione antiossidante e sono presenti nella macula dell’occhio in alte concentrazioni. Esse fungono da schermo alla luce blu dal raggiungere le strutture sottostanti diminuendo così il rischio di danni indotti dalla luce.

Xantofille in natura

Le principali xantofille presenti in natura sono:

  • luteina di colore giallo, ha formula C40H56O2 corrispondente a quella del β-catotene con due ossidrili negli anelli terminali è il capostipite delle xantofille
  •  zeaxantina contenuta nel mais isomero della luteina
  • criptoxantina presente negli agrumi e nei vegetali a foglia verde
  • violaxantina è colore giallo o viola. Essa è ottenuta per trasformazione ossidativa della zeaxantina presente nei petali della viola ma anche in alcune specie di piante superiori e di alghe
  • rubixantina di colore rosso-arancio presente nelle piante di rosa
  • rodoxantina di colore giallo presente nell’albero di tasso e nelle piume di alcuni uccelli
  • echinenone di colore giallo-rosso presente in alcuni cianobatteri

In generale le xantofille si trovano nelle foglie verdi di tutte le piante, nel mais, e anche in animali come crostacei e volatili.

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi