Steroidi anabolizzanti

Lo sterolo è un composto policiclico formato da quattro anelli condensati di cui tre a sei atomi di carbonio e una a cinque atomi di carbonio che presenta una funzione alcolica in posizione 3 sull’anello A.

Sterol.svg

 I derivati ossidati degli steroli sono gli steroidi che hanno lo stesso nucleo dello sterolo: a tale classe di composti appartengono gli ormoni sessuali come il progesterone, l’estradiolo, il testosterone e il diidrotestosterone e gli ormoni corticosurrenali come il cortisolo e l’androsterone. Il nucleo degli steroidi è costituito da venti atomi di carbonio legati tra loro per formare quattro anelli condensati: tre anelli a sei termini indicati con le lettere A, B e C e un anello a cinque termini indicato con la lettera D.

struttura steroidi

Gli steroidi variano a seconda dei gruppi funzionali legati all’anello D; abitualmente gli steoroidi presentano sostituenti metilici nelle posizioni C-10 e C-13.

Tra i vari tipi di steroidi vi sono quelli anabolizzanti indicati con l’acronimo AAS (anabolic-androgenic steroids)  che interagiscono con i recettori androgeni aumentando la sintesi proteica nelle cellule in particolare nei muscoli scheletrici. Agiscono in modo analogo al testosterone avendone una struttura chimica simile aumentando le caratteristiche androgeniche come il tono della voce, la comparsa di peli ecc.

 In medicina sono usati in alcune patologie quali l’osteoporosi e l’artrite reumatoide , ma spesso vengono usati dagli atleti come doping e pertanto il loro uso è severamente vietato. L’azione degli steroidi anabolizzanti inizia quando l’ormone esogeno penetra la membrana della cellula legandosi a un recettore di androgeni situato nel citoplasma della cellula.
Da lì il composto ormone-recettore si diffonde all’interno del nucleo della cellula alterandone i geni i attivando processi che inviano segnali alle altre parti della cellula. L’effetto degli steroidi anabolizzanti sulla massa muscolare è dovuto all’aumento di produzione delle proteine e dalla riduzione del tempo di recupero con il blocco del cortisolo nel tessuto muscolare con conseguente riduzione del catabolismo.

Gli steroidi androgeni anabolizzanti promuovono l’anabolismo o biosintesi che è una delle due parti del metabolismo che comprende tutto l’insieme dei processi di sintesi o bioformazione delle molecole organiche (biomolecole) più complesse da quelle più semplici o dalle sostanze nutritive con conseguente aumento della massa muscolare.
Quanti ne fanno uso, acquistandolo illegalmente, probabilmente non sono pienamente a conoscenza dei danni irreversibili che tali sostanze provocano:

Uomini:

a breve termine:

  • riduzione del numero degli spermatozoi
  • danni al cuore
  • impotenza
  • difficoltà o dolore durante la minzione

a lungo termine:

  • malattie al fegato tra cui il cancro
  • sviluppo del seno
  • restringimento dei testicoli

Donne:

a breve termine:

  • riduzione del seno
  • crescita eccessiva dei capelli

a lungo termine:

  • cambio del tono della voce
  • ciclo mestruale anormale

Effetti fisici su uomini e donne:

a breve termine:

  • acne
  • ritenzione dei liquidi
  • rapido aumento del peso
  • aumento della pressione sanguigna e dei livelli di colesterolo
  • insonnia
  • funzionamento sessuale ridotto
  • emicrania
  • aumento dell’appetito
  • gonfiore ai piedi e alle caviglie

a lungo termine:

  • difficoltà di coagulazione del sangue
  • attacchi di cuore
  • danni agli organi riproduttivi
  • aumento della probabilità di infarti e ictus
  • blocco nella crescita degli adolescenti

 Oltre ai danni fisici sono ben noti anche i danni psicologici: esiste infatti un collegamento tra abuso di steroidi anabolizzanti e aumento dell’aggressività. Si verifica inoltre un’alterazione psichica che provoca manie, psicosi, modificazioni della libido.

Gli steroidi anabolizzanti vengono assunti secondo un protocollo piramidale che prevede uno schema di dosi crescenti, fino al raggiungimento di un picco massimo, seguito da un periodo di temporanea disintossicazione con dosi decrescenti. Poiché gli steroidi anabolizzanti provocano astinenza sia fisica che psicologica nel periodo di temporanea disintossicazione si presentano rischi di depressione e manie suicide.

Il nandrolone, uno dei principali anabolizzanti di sintesi è stato introdotto nell’elenco delle sostanze stupefacenti oltre che dopanti.

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On