Blog

lanolina-chimicamo

Lanolina

  |   Chimica, Chimica Organica

La lanolina è una sostanza secreta dalle ghiandole sebacee delle pecore che ricopre  le fibre di lana e ha la funzione di protezione dalla disidratazione ed esercita un’azione emolliente.

La lanolina, nonostante sia una cera, viene anche detta grasso di lana e viene ottenuta dalla sua lavorazione; già gli antichi Greci nel 700 a.C. ottenevano la lanolina dopo aver fatto bollire la lana scremando la superficie dell’acqua.

Composizione

Da un punto di vista chimico la lanolina è una miscela complessa di esteri, diesteri e idrossi esteri derivanti da alcoli e acidi ad alto peso molecolare.

Dalla saponificazione della lanolina si ottiene l’alcol della lana usato in farmacia e in cosmetica per le sue proprietà idratanti ed emollienti.

Alcoli

Gli alcoli della lanolina possono essere suddivisi in tre gruppi: alcoli alifatici, steroli tra cui colesterolo e deidrocolesterolo e trimetilsteroli tra cui il lanosterolo e il deidrolanostrerolo.

Gli alcoli alifatici presenti possono essere:

1)      primari a catena lineare

2)      primari in cui è presente un gruppo isopropilico terminale

3)      primari in cui è presente un gruppo sec-butilico terminale

4)      dioli vicinali

Gli steroli sono una classe di composti chimici derivanti dallo sterolo, composto policiclico formato da quattro anelli condensati di cui tre a sei atomi di carbonio e uno a cinque atomi di carbonio.

steroli

Il lanosterolo è un triterpene tetraciclico

lanosterolo

che secondo recenti studi potrebbe essere usato contro la cataratta.

Gli alcoli alifatici presenti possono essere:

1)      primari a catena lineare

2)      primari in cui è presente un gruppo isopropilico terminale

3)      primari in cui è presente un gruppo sec-butilico terminale

4)      dioli vicinali

Gli acidi che si ottengono dagli esteri che costituiscono la lanolina possono essere suddivisi, analogamente agli alcoli,  in acidi carbossilici, acidi in cui è presente un gruppo isopropilico terminale, acidi in cui è presente un gruppo sec-butilico terminale e idrossiacidi.

Nella lanolina sono contenuti inoltre, in ragione del 5% anche idrocarburi in cui è presente una ramificazione metilica, cicloesilalcani e fenilalcani.

Una volta ottenuta la lanolina è sottoposta a processi di purificazione ed è usata:

Pur non avendo proprietà terapeutiche la lanolina partecipa alla formazione di un sottile strato lipidico e mostra proprietà idratanti ed emollienti ed è assorbita rapidamente.

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi