Blog

Deidrogenazione di alcani- chimicamo

Deidrogenazione di alcani

  |   Chimica, Chimica Organica

La deidrogenazione è la reazione opposta all’idrogenazione che comporta la rimozione di idrogeno da un composto.

Nel caso della deidrogenazione degli alcani il prodotto di reazione è un’olefina secondo la reazione generale:

CnH2n+2 → CnH2n- 2m + m H2

Reazione

La deidrogenazione, contrariamente all’idrogenazione che è una reazione di addizione, è una reazione di eliminazione.

È una reazione di ossidazione: si consideri, ad esempio, la deidrogenazione dell’etano che dà, come prodotto di reazione, l’etene.

Nell’etano il carbonio, legato a tre atomi di idrogeno ha numero di ossidazione – 3, mentre nell’etene il carbonio legato a due atomi di idrogeno ha numero di ossidazione -2.

La deidrogenazione è pertanto detta ossidativa. La reazione avviene grazie a un catalizzatore che in genere è di tipo bimetallico.

Gli alcheni a basso peso molecolare sono sempre più richiesti dal mercato a causa del loro uso nella produzione di plastica, gomma e intermedi chimici.

L’aumento del prezzo del petrolio ha spinto quindi a cercare soluzioni alternative ai metodi più comuni per ottenere gli alcheni in quanto lo steam cracking e il cracking catalitico a letto fluido utilizzano il petrolio.

La deidrogenazione catalitica degli alcani leggeri, ottenuta da gas naturale, rappresenta quindi un’alternativa interessante. Offre il vantaggio di avere una elevata selettività e costi minori e l’idrogeno ottenuto può essere utilizzato come combustibile.

La deidrogenazione è una reazione endotermica e il processo è favorito ad alte temperature e a bassa pressione.

Catalizzatori

I tipi di catalizzatori utilizzati sono quelli a base di platino e quelli costituiti da ossidi metallici e specialmente da ossidi di cromo CrOx.

Il platino è particolarmente efficiente nell’attivazione del legame C-H ma possono verificarsi reazioni indesiderate come l’idrogenolisi con conseguente formazione di due alcani più piccoli.

Inoltre il platino tende a disattivarsi a causa della formazione di depositi di coke sulla superficie. Si preferisce quindi usare leghe bimetalliche in cui è presente anche un altro metallo e principalmente lo stagno; possono essere utilizzati anche indio, , germanio o zinco.

Oltre ai catalizzatori a base di platino possono essere utilizzati diversi ossidi sono in grado di attivare i legami C-H.

L’ossigeno gioca infatti un ruolo importante nella formazione di un legame O-H dopo la rottura del legame C-H. Tuttavia, il ruolo cruciale è giocato dalla formazione di carbocationi che si ritiene siano responsabili dell’attivazione iniziale del legame C-H.

I primi catalizzatori a base di ossidi di cromo si svilupparono all’inizio della seconda guerra mondiale quando le fonti di gomma naturale furono improvvisamente interrotte e il butadiene doveva essere prodotto deidrogenando l’n-butano o n-butene.

Negli ultimi anni questi catalizzatori vengono usati per la deidrogenazione del propano e dell’isobutano per ottenere i monomeri di partenza per l’ottenimento di polipropilene e del poliisobutene.

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi