Cenni sui radicali

Pertanto, la rottura del legame più debole forma il radicale più stabile.

  • La stabilità di un radicale cresce all’aumentare del numero di gruppi alchilici legati al carbonio radicalico

Pertanto un radicale terziario è più stabile di un secondario e un secondario più stabile di un primario. Aumentando la sostituzione alchilica aumenta la stabilità radicalica, allo stesso modo in cui aumenta la stabilità dei carbocationi. I gruppi alchilici sono più polarizzabili degli atomi di idrogeno, per cui possono donare più facilmente densità elettronica al carbonio radicalico elettrondeficiente, aumentando cosi la sua stabilità.

 Caratteristiche generali delle reazioni radicaliche

I radicali si formano dalla rottura dei legami covalenti per aggiunta di energia sotto forma di calore (∆) o luce (hv). Alcune reazioni radicaliche avvengono in presenza di un  iniziatore radicalico, un composto che contiene un legame particolarmente debole che serve come sorgente di radicali. I  perossidi, composti con la struttura generale  RO – OR, sono gli iniziatori radicalici usati più comunemente. Riscaldando un perossido si causa l’immediata omolisi del debole legame  O – O, che forma due radicali RO.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On