Anidride maleica

L’anidride maleica è un eterociclo insaturo ed è l’anidride dell’acido maleico

struttura anidride maleica

E’ un solido di colore bianco dall’odore sgradevole ed è considerata un intermedio largamente utilizzato per gli usi più svariati.

L’anidride maleica può essere ottenuta a caldo per disidratazione dell’acido fumarico o dell’acido maleico ma quest’ultimo metodo viene preferito perché è più rapido.

sintesi anidride maleica dall'acido maleico

Può essere ottenuta per ossidazione di una miscela di benzene e aria in presenza di un catalizzatore di ossido di vanadio (V). La reazione avviene a 2 atm e alla temperatura di 400-450°C ed è altamente esotermica

sintesi anidride maleica dal benzene

Questo metodo sintetico, tuttavia, è stato superato per motivi economici dall’ossidazione del n-butano in presenza di fosfato di vanadio quale catalizzatore secondo la reazione esotermica:

2 C4H10 + 7 O2 → 2 C4H2O3 + 8H2

L’anidride maleica è un intermedio chimico altamente reattivo con usi attuali e potenziali in molti campi della chimica essendo un composto polifunzionale con due gruppi carbossilici ed un doppio legame.

L’anidride maleica può condensare, attraverso una reazione di Diels-Alder con l’1,3- butadiene formando l’anidride cis-1,2,3,6-tetraidroftalica

reazione dell'anidride maleica con butadiene

L’anidride maleica può dare una reazione di dimerizzazione secondo una reazione fotochimica con formazione di una dianidride

dimerizzazione anidride maleica

L’anidride maleica può essere utilizzata come monomero nella produzione di resine poliestere insature per ottenere polimeri termoindurenti e resine alchidiche modificate utilizzate quali leganti nell’industria delle vernici.

L’anidride maleica viene utilizzata nella fabbricazione di rivestimenti, prodotti farmaceutici, prodotti agricoli, tensioattivi, come additivo per materie plastiche ma anche nei dolcificanti artificiali, esaltatori di sapidità, spray per capelli e copolimeri

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On