Anidride ftalica

L’isobenzofuran-1,3-dione noto come anidride ftalica è un solido dall’incolore al bianco che si presenta sotto forma di aghi dall’odore caratteristico

struttura anidride ftalica

Viene sintetizzata per ossidazione catalitica dell’o-xilene:

anidride ftalica dall'o-xilene

o per ossidazione catalitica del naftalene

anidride ftalica dal naftalene

in entrambi i casi il catalizzatore è costituito da ossido di vanadio (V).

L’anidride ftalica può essere ottenuta anche per disidratazione dell’acido ftalico a circa 180°C

anidride ftalica dall'acido ftalico

Tra le reazioni più importanti dell’anidride ftalica vi è quello di ottenimento degli ftalati sostanze usate dall’industria delle materie plastiche come agenti plastificanti.

Ad esempio il dietilftalato può essere ottenuto dalla reazione con l’etanolo in presenza di acido solforico concentrato

ftalati

L’anidride ftalica a caldo per reazione con 2 equivalenti di fenolo e in presenza di acido solforico concentrato dà luogo alla formazione della fenolftaleina che è uno dei più noti indicatori di pH.

fenolftaleina

L’anidride ftalica reagisce con l’urea per dare la ftalimmide da cui si ottiene l’acido antranilico precursore dei coloranti azoici e della saccarina

ftalimmide

Per esterificazione dell’anidride ftalica con glicole propilenico si ottengono le resine poliestere insature che sono generalmente miscelate con fibre di vetro per produrre plastiche rinforzate utilizzate nelle costruzioni, navi e mezzi di trasporto.

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On