Alogenuri alchilici: metodi di sintesi e reattività

L’importanza di questa classe di composti è dovuta alla reattività nei confronti di agenti nucleofili che ne permette la trasformazione in numerose altre classi di composti.

Nomenclatura. Per gli alogenocomposti organici si ricorre a due tipi di denominazione:

  • Nomi sostitutivi (n.s.): il nome deriva dall’alcano corrispondente, con un prefisso indicante il tipo di alogeno presente nella molecola e un numero per individuarne la posizione. Ad esempio: CH3Cl clorometano, CH3CH2CH2Cl 1-cloropropano, (CH3)3CCl  2-cloro,2-metilbutano, CCl4 tetraclorometano
  • Nomi funzionali (n.f.): il nome si ottengono considerando questi composti come alogenuri di alchile: sono nomi radico-funzionali o additivi funzionali. Ad esempio: CH3Cl cloruro di metile, CH3CH2CH2Cl cloruro di n-propile, (CH3)3CCl  cloruro di t-butile, CCl4 tetracloruro di carbonio
  • Nomi comuni: vengono usati esclusivamente per i trialogeno derivati del metano (aloformi): CHF3 floroformio, CHCl3 cloroformio, CHBr3 bromoformio, CHI3 iodoformio.

Proprietà fisiche. Gli alogenuri alchilici sono liquidi incolori salvo alcuni termini gassosi e i termini ad alto peso molecolare solidi, la cui volatilità aumenta:

– al diminuire del peso molecolare dell’alogenuro alchilico

– al diminuire del peso atomico o delle dimensioni dell’alogeno

– all’aumentare delle ramificazioni del gruppo alchilico

I punti di ebollizione degli alogenuri alchilici sono molto più elevati di quelli dei corrispondenti alcani.

Metodi di sintesi.

1) Dagli idrocarburi

  • Per logenazione radicalica di alcani. I primi termini della serie dei cloruri alchilici e alcuni bromuri vengono preparati su scala industriale per alogenazione in fase gassosa di alcani, seguita da distillazione frazionata:

Cl2

n CH4 → m CH3Cl, + o CH2Cl2 + p CHCl3 + q CCl4

2) Dagli alcoli. E’ il metodo più utilizzato e più generale tramite il quali si possono preparare     tutti gli alogenuri alchilici esclusi i fluoruri usando reattivi particolari.

  • Per azione di acidi alogenidrici: R-OH + H-X → R-X + H2O

L’acido alogenidrico viene preparato in situ da un alogenuro e da acido solforico che funge da catalizzatore. In tali condizioni, tuttavia, gli ioduri alchilici non vengono ottenuti a causa dell’azione riducente dell’acido iodidrico: R-I + H-I → R-H + I2

Gli ioduri vengono ottenuti, invece, usando uno ioduro alcalino in presenza di acido fosforico:  R-OH + KI + H3PO4 → R-I + KH2PO4 + H2O

  • Per azione degli alogenuri di fosforo: tale metodo segue due stadi:

1)  R-OH + P-X3 → R-O-PX2 + H+ + X

2) R-O-PX2 + X → R-X + OPX2

R-OH + SOCl2 → R-Cl + SO2 + HCl

  • Dagli alogenuri alchilici stessi per scambio di alogeno. Tale reazione viene utilizzata per ottenere ioduri da cloruri e bromuri:

R-X + NaI → R-I + NaX

  • Dai sali di argento degli acidi carbossilici (reazione di Hunsdiecker che avviene secondo un meccanismo radicalico). La reazione viene catalizzata da ossido di mercurio, acetato di piombo o dalla luce:

R-COOAg+ + X2 → R-X + CO2 + AgX  ( X = generalmente Br)

Reattività. La reattività degli alogenuri alchilici è strettamente legata alla tendenza dell’alogeno a rompere il legame covalente polare Cδ+ – Xδ ospitando su di sé il doppietto di legame e formando lo ione X (base debole) sotto l’azione di agenti nucleofili. D’altra parte la parziale carica positiva presente sul carbonio attrae elettroni dal carbonio adiacente, facilitando la rimozione di un idrogeno ad esso legato come protone e dando luogo a un doppio legame. In presenza di reagenti basici si ha pertanto competizione tra reazioni di sostituzione nucleofila SN ed eliminazione E.

reazioni di sostituzione e eliminazione

  • Reazioni di sostituzione nucleofila. E’ una delle classi di reazioni più usate e più importanti per trasformare gli alogenuri in numerose classi di composti secondo lo schema generale R-X + Y → R-Y + Y

Seguono le più importanti reazioni di sostituzione nucleofila:

R-X + OH→ R-OH alcoli + X

R-X + OR’→ R-O-R’ eteri + X

R-X + OOCR’ → ROOCR’ esteri+ X

R-X + SH → R-SH tioli + X

R-X + SR → R-SR tioeteri + X

R-X + SCN → R-SCN tiocianati + X

R-X + NH2 → R-NH2 ammine primarie + X

R-X + NH2R’  → R-NH-R’ ammine secondarie + HX

R-X + NHR2‘ → R-N-R2‘ ammine terziarie + HX

R-X + NR3 → R-N+R3‘sali di ammonio quaternari + X

R-X + N3 → R-N3 alchiazidi + X

R-X + NO2 → R-NO2 nitroalcani + X

R-X + CΞN → R-CN nitrili + X

R-X + :P(C6H5)2 → R-P+(C6H5)2X sali di fosfonio

  • Reazioni di eliminazione. La perdita di una mole di acido alogenidrico ( deidroalogenazione) permette di trasformare gli alogenuri alchilici in alcheni con un meccanismo di eliminazione come ad esempio: CH3CH2X → 2HC=CH2 + HX
  • Formazione dei reattivi di Grignard
    : R-X + Mg → R-MgX
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On