Alcol denaturato

L’alcol etilico viene tassato in tutti i paesi occidentali essendo considerato, unitamente a tabacco, profumo,  automobili oltre una certa cilindrata ecc. come bene di lusso.

L’alcol etilico, oltre a essere un componente delle bevande alcoliche, di cui peraltro ci cerca di limitare il consumo, viene usato largamente sia dalle industrie che nelle case per le sue proprietà solventi e disinfettanti. Onde evitare che un’elevata accisa possa gravare sulle industrie e sui bilanci familiari, l’etanolo viene denaturato per renderlo inidoneo al consumo umano  in modo che il suo costo sia accettabile.

La denaturazione viene quindi fatta per rendere l’alcol imbevibile rimuovendolo dalla catena alimentare e quindi destinabile a tutti gli altri scopi senza alterarne le caratteristiche.

All’alcol determinate sostanze denaturanti a seconda della destinazione che devono essere compatibili per gli usi a cui sono destinate e devono essere separabili dall’etanolo con estrema difficoltà onde impedire che con una semplice distillazione possano essere allontanate da esso. Esistono due tipi di alcol denaturato: l’alcol denaturato speciale e l’alcol completamente denaturato.

L’alcol denaturato speciale SDA usato dall’industria cosmetica e più estesamente da quella farmaceutica, a sua volta viene additivato con sostanze denaturanti diverse. Ad esempio per l’alcol destinato alla formulazione dei profumi viene aggiunto il denatonio benzoato unitamente all’alcol ter-butilico oppure dietilftalato e alcol ter-butilico.

Per lacche e prodotti per capelli l’alcol viene denaturato per aggiunta di alcol isopropilico e alcol ter-butilico, per deodoranti e altri prodotti per la pelle  si aggiunge muschio naturale o sintetico e alcol ter-butilico mentre per l’igiene dei denti e della bocca viene aggiunto il timolo.

L’ alcol completamente denaturato (CDA) viene usato nell’industria per produrre , ad esempio, solventi, combustibili, detersivi, lucidi per scarpe, insetticidi. Tra i denaturanti vi è il metanolo che ha un punto di ebollizione tale da essere separato dall’etanolo con estrema difficoltà, piridina ma più comunemente vengono usati il metil- isobutil chetone unitamente a isomeri del nitropropano o metil- n-butil chetone, kerosene, benzina, solventi idrocarburici o eptano.

All’alcol denaturato  vene inoltre aggiunto un colorante come il violetto di metile o il Reactive Red per evitare consumi accidentali e distinguerlo dall’etanolo

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On