Adenosinmonofosfato

L’AMP ovvero è l’adenosinmonofosfato è un nucleotide costituito dalla base azotata adenina, legata allo zucchero ribosio, al quale, a sua volta, è legato un gruppo fosfato.

L’adenosinmonofosfato che è uno dei componenti per la sintesi dell’RNA può essere ottenuta dall’ADP secondo la reazione:

2 ADP → ATP + AMP

o per idrolisi dell’ADP secondo la reazione:

ADP + H2O → AMP + Pi

Essendo l’ATP l’adenosintrifosfato, l’ADP l’adenosindifosfato e Pi il gruppo fosfato.

Sebbene l’ATP contenga la quantità di energia necessaria per la maggior parte delle reazioni, a volte è necessaria una maggiore quantità di energia. 

Pertanto l’ATP rilascia due fosfati anziché uno, producendo AMP più una catena di due fosfati. Tuttavia gli enzimi utilizzati nella glicolisi, nel ciclo dell’acido citrico e nel sistema di trasporto degli elettroni sono in grado di aggiungere un solo fosfato pertanto non si può ottenere direttamente ATP da AMP.

La soluzione è un enzima complesso chiamato adenilato chinasi che trasferisce un singolo fosfato da un ATP all’AMP, producendo due molecole di ADP. Le due molecole di ADP possono quindi entrare nel normale ciclo di Krebs progettato per convertire l’ADP in ATP. 

Pertanto dall’ adenosinmonofosfato può essere ottenuto l’ADP secondo la reazione:

AMP + ATP → 2 ADP

E dall’ADP nel corso della fosforilazione ossidativa può essere ottenuto l’ATP secondo la reazione:

ADP + Pi → ATP

Tramite una deamminazione catalitica l’AMP viene convertito in inosina-5-monofosfato (IMP) intermedio nel metabolismo delle purine.

 

 

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On