Acrilonitrile

L’acrilonitrile  è un liquido incolore, facilmente volatile, dal forte odore soffocante e assai tossico che bolle a 78 ºC.

L’acrilonitrile rappresenta un importante prodotto dell’industria chimica organica: i suoi polimeri e copolimeri costituiscono infatti fibre sintetiche, materie plastiche ed elastomeri (gomme) di larghissimo impiego.

L’acrilonitrile CH2=CHCN o cianuro di vinile viene prodotto per ossidazione del propilene.

Una miscela di aria, ammoniaca e propilene in rapporto O2: NH3: C3H6 = 2:1:1 viene inviata in reattori a letto fluido a 400-500°C in presenza di vapore in presenza di catalizzatori a base di fosfomolibdato di ammonio (NH4)3 [P(Mo3O10)4] . La reazione che avviene è:

2 CH3CH=CH2 + 3 O2 + 2 NH3 2 CH2 =CHCN + 6 H2O

L’acrilonitrile uscente dal reattore  viene assorbito in acqua e purificato per distillazione. Oltre all’acrilonitrile, che si forma con rese intorno al 70% si ottengono, come sottoprodotti e acetonitrile H3C-C ≡ N.

Sull’impiego di acrilonitrile sono basati alcuni processi di importanza industriale: adiponitrile, esteri acrilici , acrilammide.

1) Adiponitrile N≡C-(CH2)4 -C≡ N è un importante intermedio per la sintesi del Nylon 6,6. Con l’impiego di particolari sali di alchilammonio, che assicurano un’elevata concentrazione del nitrile in acqua, l’acrilonitrile può essere trasformato in adiponitrile per via elettrochimica:

2 CH2 =CHCN + 2 H+ + 2 eN≡C-(CH2)4 -C≡ N

Il processo che è caratterizzato da rese elevate trova una conveniente realizzazione dove sia disponibile energia elettrica a basso costo.

2) Esteri acrilici. Sono in genere liquidi incolori, aventi facile tendenza a polimerizzarsi, per cui per essere conservati nella forma monomera devono essere stabilizzati. Sull’acrilonitrile sono basati processi per la sintesi di acrilati. La reazione prevede la formazione intermedia di solfato di acrilammide:

CH2=CHCN + H2SO4 + H2O CH2=CHCONH2 ·H2SO4 ( solfato di acrilammide)

CH2=CHCONH2 ·H2SO4 + ROH CH2=CHCOOR (estere acrilico) + NH4HSO4 ( solfato acido di ammonio)

Dove R : – CH3, -CH2-CH3

Questa via sintetica, applicata durante la prima fase di sviluppo degli acrilati, ha perso importanza industriale con la realizzazione di grandi impianti da acetilene o propilene.

3) Acrilammide. L’ acrilammide ha formula CH2=CHCONH2  2-propenammide e fu sintetizzata per la prima volta nel 1949. Costituisce un  intermedio nella sintesi degli acrilati e  ha un suo impiego nella sintesi di poliacrilammide e viene usata come flocculante delle acque di approvvigionamento idrico o di scarico.

Viene impiegata anche nell’appretto nell’industria tessile, come legante nell’industria cartaria , come agente impermeabilizzante delle murature e come addensante per aumentare la viscosità delle soluzioni.

La polimerizzazione viene effettuata in soluzione acquosa e il polimero è caratterizzato da elevata solubilità in acqua e dalla insolubilità nei comuni solventi organici.

L’acrilammide è una sostanza tossica che si forma durante i processi di cottura ad alte temperature : è stata rinvenuta in dosi consistenti nel 2002 da chimici svedesi nelle patatine fritte, nelle fette biscottate e nel caffè. Molti ricercatori ritengono che durante la cottura l’acrilammide possa formarsi dalla reazione tra asparagina e zuccheri riducenti quali il fruttosio e il glucosio.

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On