Blog

acido cloroacetico-chimicamo

Acido cloroacetico

  |   Chimica, Chimica Organica

L’ acido cloroacetico (MCA) è un acido carbossilico in cui è presente un atomo di cloro ed ha formula ClCH2COOH

Proprietà

Si presenta sotto forma di cristalli incolori igroscopici e ha un odore pungente simile a quello dell’aceto

È solubile in acqua, metanolo, acetone, etere etilico, benzene, cloroformio ed etanolo. Inoltre è scarsamente solubile in tetracloruro di carbonio.

A causa dell’effetto induttivo è un acido che ha un valore della costante di equilibrio maggiore rispetto a quella degli acidi carbossilici.

Il valore di Ka è infatti pari a 1.35 · 10-3 pertanto una soluzione di acido cloroacetico ha un pH minore rispetto a quelle di altri acidi carbossilici con la stessa concentrazione.

Sintesi

Storicamente i metodi di sintesi prevedevano l’idrolisi dell’1,1,2-tricloroetene in presenza di acido solforico quale catalizzatore o la clorurazione dell’acido acetico.

Idrolisi dell’1,1,2-tricloroetene

La reazione avviene a 140°C in presenza di acido solforico al 75%:

ClCH=CCl2 +2  H2O → ClCH2COOH + 2 HCl

Questo metodo ha il vantaggio di non dare sottoprodotti ma è caduto in disuso a causa dell’alto costo dell’1,1,2-tricloroetene

Clorurazione dell’acido acetico

Il prodotto di partenza è l’anidride acetica che funge da catalizzatore. Essa  è fatta reagire con il cloro secondo la reazione

CH3COOCOCH3 + Cl2 → ClCH2COOCOCH3 + HCl

L’anidride cloroacetica ottenuta è fatta reagire con l’acido acetico:

ClCH2COOCOCH3 + CH3COOH → ClCH2COOH + CH3COOCOCH3

Questo metodo, tuttavia, porta a sottoprodotti di reazione costituiti dagli acidi bicloroacetico e tricloroacetico Essi sono difficilmente separabili tramite distillazione frazionata presentando punti di ebollizione vicini tra loro. Si ricorre pertanto alla cristallizzazione utilizzando quali solventi tetracloruro di carbonio, diclorometano o idrocarburi con tre atomi di cloro. Si ottengono cristalli di acido cloroacetico che sono facili da filtrare

Reazioni

L’acido cloroacetico dà reazioni analoghe a quelle degli acidi carbossilici.

Ad esempio reagisce, in presenza di una acido quale catalizzatore, con gli alcoli per dare gli esteri.

Reagisce con le ammine primarie e secondarie per dare le ammidi:

ClCH2COOH + RNH2→ ClCH2CONHR + H2O

In presenza di carbonato di sodio dà luogo alla formazione del cloroacetato:

2 ClCH2COOH + Na2CO3 → 2 ClCH2COONa + H2O + CO2

Per reazione del sale sodico con il cianuro di sodio si ottiene l’acido 2-cianoacetico NCCH2COOH.

Il gruppo nitrile può essere idrolizzato con idrossido di sodio con ottenimento del malonato di sodio che per acidificazione dà l’acido malonico

Usi

L’acido cloroacetico è usato nella produzione di:

  • Prodotti farmaceutici
  • Coloranti
  • Detergenti
  • Pesticidi

Agisce come precursore del glifosato e dell’adrenalina e come stabilizzante del PVC

Inoltre dà luogo a reazioni di carbossimetilazione e costituisce il reagente per ottenere la carbossimetilcellulosa, additivo alimentare usato quale addensante

 

Condividi