Acido acrilico

L’acido acrilico il cui nome I.U.P.A.C. è acido 2-propenoico è un acido carbossilico insaturo avente formula CH2=CHCOOH

acido acrilico

Presentando due gruppi funzionali, può avere due reattività differenti riconducibili alle tipiche reazioni della famiglia dei composti insaturi e a quelle degli acidi carbossilici. Inoltre la posizione in alfa del doppio legame rispetto al gruppo carbonilico rende la molecola particolarmente reattiva.

L’acido acrilico dà le reazioni tipiche degli acidi carbossilici quindi reagisce con gli alcoli per dare gli esteri ma può reagire anche a livello del doppio legame per dare l’acido poliacrilico, sia con monomeri reattivi per dare omopolimeri e copolimeri.

L’acido acrilico viene usato come intermedio per ottenere esteri acrilici come:

1)       l’acrilato di metile che costituisce l’intermedio nella sintesi di molti composti organici e per la sua capacità di reagire come dienofilo nelle reazioni di Diels-Alder
2)      l’acrilato di etile utilizzato nella produzione di polimeri tra cui resine, plastiche,gomme e materiali per protesi

3)      l’acrilato di butile utilizzato nelle vernici, sigillanti, rivestimenti, adesivi, prodotti tessili e mastice

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On