Blog

Xenotime

  |   Chimica, Chimica Generale

Con il termine Xenotime si indicano un gruppo di fosfati, arseniati e vanadati in cui sono presenti cationi delle terre rare. Tuttavia il termine è generalmente usato per descrivere il membro più comune del gruppo, Xenotime-(Y) costituito da fosfato di ittrio con formula YPO4.  

Il  mineralogista norvegese Nils Otto Tank rinvenne per primo questo minerale chimico svedese Jøns Jacob Berzelius nel 1824 lo descrisse per la prima volta.

Il mineralogista francese François Sulpice Beudant coniò questo nome che deriva dal greco κευός che significa straniero e τιμή che significa onore. Si allude al fatto che l’ittrio in esso contenuto fu scambiato per la prima volta da Berzelius per un nuovo elemento.

Diffusione

È  un importante minerale accessorio nelle rocce ignee e metamorfiche presente in preziosi giacimenti minerari delle terre rare

Si trova spesso associato a quarzo, microclino, albite, rutilo, muscovite, biotite, zircone, anatasio e monazite.

Si trova in giacimenti minerari in Norvegia, Madagascar, diverse località del Brasile e anche negli Stati Uniti in Colorado, California, Georgia e Carolina del Nord.

Proprietà

Nello xenotime in sostituzione dell’ittrio possono essere presenti elementi rari come uranio, erbio, torio, itterbio, zirconio e il più comune elemento calcio

A causa della presenza di almeno alcuni di questi elementi radioattivi, lo xenotime è spesso leggermente radioattivo. In sostituzione dell’anione fosfato può essere presente arseniato o biossido di silicio.

Si presenta di colore marrone giallastro, rossastro, marrone, rosso chiaro, rosso, verde chiaro, grigio, bianco-grigiastro. È fragile e ha una durezza, nella scala di Mohs da 4 a 5 e un peso specifico da 4.4 a 5.2.

Usi

È utilizzato principalmente come fonte di ittrio e di lantanidi come disprosio, itterbio, erbio e gadolinio. Questi ultimi sono particolarmente richiesti per prodotti di consumo high-tech, come smartphone, dischi rigidi per computer, veicoli elettrici e ibridi, monitor e televisori a schermo piatto.