Terbio

Il terbio reagisce con gli alogeni per dare i corrispondenti alogenuri secondo la reazione generale:

3 Tb(s) + 6 X2(g) → 2 TbX3(s)

Gli alogenuri di terbio (III) sono di colore bianco ad eccezione dello ioduro che è di colore giallo.

Reazione con acido solforico

Il terbio reagisce con acido solforico diluito per formare una soluzione di colore rosa dovuta alla presenza dello ione Tb3+ e idrogeno:

2 Tb(s) +3 H2SO4(aq)→2 Tb3+(aq) + 3 SO42-(aq) +3  H2(g)

Usi

Il terbio è un metallo raro e costoso quindi trova applicazioni in prodotti di nicchia piuttosto che in prodotti commerciali.

Il terbio, insieme all’europio e al tulio costituiscono uno strumento per sconfiggere i falsari. La presenza di tali metalli sulle banconote in euro consente di rilevarli sotto l’azione di una radiazione U.V. che si traduce in fluorescenza verde dello ione Tb3+, rossa dello ione Eu3+ e blu dello ione Tm3+.

Una lega di terbio, neodimio e disprosio è presente nei magneti di auto ibride e motori elettrici di turbine eoliche.

Il terbio è usato quale dopante di fluoruro di calcio CaF2, tungstato di calcio CaWO4 e molibdato di stronzio SrMoO4 usati nella realizzazione di transistor.

Il terbio è usato come stabilizzatore di cristalli insieme al biossido di zirconio nelle celle a combustibile che funzionano ad alte temperature.

L’isotopo radioattivo 149Tb è usato nei radiofarmaci perché non provoca alle cellule sane

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On