Tensione superficiale

Lo stato liquido è caratterizzato da molecole che interagiscono tra loro tramite forze di coesione che dipendono dalla loro distanza. In un liquido contenuto in un recipiente le molecole sono mediamente distribuite in modo simmetrico attorno a ciascuna altra molecola e quindi le forze agiscono uniformemente in tutte le direzioni e la risultante è nulla. Sulle molecole che si trovano sulla superficie esiste solo l’interazione con quelle sottostanti e, trascurando le interazioni con l’aria e le pareti del recipiente, si verifica che la risultante delle forze è diversa da zero ed è diretta verso l’interno del liquido. Tali molecole tendono ad adottare una forma che minimizza la loro area superficiale e quindi la superficie del liquido di comporta come una membrana elastica in tensione che prende il nome di tensione superficiale.

La forma geometrica che presenta il rapporto più piccolo tra superficie e volume è la sfera pertanto piccolissime quantità di liquido assumono la forma di goccioline sferiche. Se tali gocce diventano più grandi, a causa del loro peso, subiscono una deformazione e pertanto assumono una forma di lacrima.

La tensione superficiale indicata con γ è data da: γ = F/L dove F è la forza esercitata parallelamente alla superficie e L è la lunghezza della linea al di sopra della quale agisce la forza. L’unità di misura di γ è quindi N/m o J/m2 . La tensione superficiale non è un valore costante ma dipende dalla temperatura, dalla pressione e dalla composizione del gas all’interfaccia.

La tensione superficiale esiste ovunque vi sia una superficie di separazione tra due o più fasi diverse, e la sua intensità dipende dalla natura delle fasi a contatto. In particolare, quando la tensione superficiale è riferita a due o più fasi, prende il nome di tensione interfacciale.

Nella tabella vengono riportate le tensioni superficiali di alcuni liquidi a temperatura ambiente:

Sostanza Tensione superficiale ( dyne/cm)
Acqua H2O 72.7
Dietil etere (CH3CH2)2 O 17.0
Benzene C6H6 40.0
Glicerina C3H2(OH)3 63
Mercurio (15°C) 487
n-ottano CH3(CH2)6CH3 21.8
NaCl  6 M 82.5
Saccarosio ( 85%) 76.4
Oleato di sodio 25

Dall’analisi dei dati si può notare:

–          Gli idrocarburi e i liquidi non polari come l’etere presentano valori di tensione superficiale abbastanza bassi

–          Dalla tensione superficiale dell’oleato di sodio si comprende che una delle funzioni principali dei saponi e dei tensioattivi è quella di ridurre la tensione superficiale dell’acqua

–          Il mercurio presenta la maggiore tensione superficiale rispetto a qualunque liquido a temperatura ambiente: tale tensione è così alta che il mercurio si fraziona in goccioline che si muovono in modo indipendente.

La tensione superficiale diminuisce sempre all’aumentare della temperatura in quanto i moti termici riducono l’effetto delle attrazioni intermolecolari. Per tale ragione il lavaggio a temperature maggiori è più efficace rispetto a quello a temperature minori: la minore tensione superficiale, infatti consente all’acqua di penetrare con maggiore facilità nelle fibre.

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On