Tensione di vapore

Si consideri un liquido o un solido che dà luogo a evaporazione o  a sublimazione contenuto in un recipiente chiuso.

La pressione del vapore formatosi dell’evaporazione del liquido o dalla sublimazione del solido in equilibrio con la fase condensata è detta tensione di vapore.

L’equilibrio termodinamico si verifica quando la velocità di evaporazione del liquido è pari alla velocità di condensazione del vapore e pertanto la quantità di vapore e di liquido presenti nel contenitore rimane invariata nel tempo.

Fattori che influenzano la tensione di vapore

  • Forze intermolecolari

Quando le forze intermolecolari sono elevate le molecole tenderanno poco a passare allo stato di vapore mentre quando sono deboli le molecole tenderanno a passare allo stato di vapore. 

Ad esempio l’etere dimetilico CH3CH2OCH2CH3 in cui sono presenti deboli forze dipolo-dipolo e forze di dispersione di London ha una tensione di vapore a 25 °C di 520 torr.

Al contrario l’etanolo CH3CH2OH in cui sono presenti legami a idrogeno ha una tensione di vapore a 25 °C di 75 torr.

  • Temperatura

All’aumentare della temperatura un numero maggiore di molecole ha energia sufficiente per passare allo stato di vapore con conseguente aumento della tensione di vapore.

Tuttavia l’aumento della tensione di vapore non è direttamente proporzionale all’aumento di temperatura in accordo con l’equazione di Clausius-Clapeyron.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On