Blog

Stabilizzanti polimerici

  |   Chimica, Chimica Generale

Gli stabilizzanti sono sostanze che tendono a preservare le proprietà fisiche e chimiche di un materiale. Il degrado, ovvero i cambiamenti irreversibili nella composizione o nella struttura chimica, è responsabile della compromissione delle proprietà dei materiali. Gli stabilizzanti sono quindi utilizzati per prolungare la vita utile dei materiali e per mantenere le loro proprietà. L’ossigeno e l’acqua sono i principali agenti di degradazione, ma anche le radiazioni ultraviolette possono avere un effetto significativo secondo il fenomeno della fotodegradazione.

Polimeri

Gli stabilizzanti sono tipicamente usati per prevenire la degradazione dei polimeri durante la lavorazione o l’uso

A causa delle grandi differenze nei loro meccanismi di degradazione è opportuno scegliere stabilizzanti adatti a ciascun tipo di polimero.

In generale, gli stessi stabilizzanti polimerici sono utilizzati nella maggior parte delle materie plastiche, come polipropilene, polietilene e acrilonitrile butadiene stirene (ABS). La chiave per prevenire la degradazione ossidativa della plastica è terminare la reazione radicalica nella fase iniziale della degradazione, interrompendo così l’autossidazione. Per ottenere ciò, è necessario eliminare almeno uno, e preferibilmente più, dei fattori associati al degrado.

Classificazione

Sono  classificati in:

  • inibitori che agiscono quando si formano i radicali
  • scavenger di radicali
  • sostanze che decompongono i perossidi

Poiché la reazione di degradazione è complessa, l’eliminazione di uno solo dei fattori responsabili della degradazione non è sufficiente per stabilizzare il polimero. L’eliminazione simultanea di più fattori di degradazione, tuttavia, produce un ampio effetto stabilizzante. Ciò si verifica con una miscelazione di sostanze appropriate.

Funzioni

A seconda del tipo di polimero e delle funzioni a cui sono chiamati presentano caratteristiche peculiari quali:

  • miglioramento della processabilità
  • aumento della durata
  • prevenzione dell’ossidazione
  • miglioramento della resistenza agli agenti atmosferici