Blog

Riduzione selettiva catalitica-chimicamo

Riduzione selettiva catalitica

  |   Chimica, Chimica Generale

La riduzione selettiva catalitica indicata con l’acronimo SCR è un processo mirante ad abbattere gli ossidi di azoto dai gas di scarico emessi da industrie e autoveicoli.

La tecnologia SCR trovò applicazione per la prima volta nelle centrali termiche in Giappone alla fine degli anni ’70, e si diffuse in Europa dalla metà degli anni ’80. Negli USA, negli anni ’90 si introdussero sistemi SCR per le turbine a gas, con un numero crescente di installazioni per il controllo degli NOx da centrali a carbone.

Nel processo di riduzione selettiva ai gas di scarico è aggiunto un riducente quale ammoniaca o urea in presenza di catalizzatore

Il sistema è fondamentalmente costituito da un:

  • reattore con catalizzatore
  • serbatoio riducente per lo stoccaggio di NH3
  • sistema di iniezione.

Prima di entrare nel reattore, il riducente è miscelato con i fumi.

Nel reattore catalitico, si verifica una reazione selettiva tra ammoniaca e gli ossidi di azoto quando passano attraverso il catalizzatore. I prodotti della reazione sono azoto gassoso e vapore acqueo. La temperatura ottimale per questa reazione redox varia da 290°C a 400°C.

Nel caso sia utilizzata l’urea, si ottengono, dalla sua decomposizione termica, dapprima ammoniaca e acido isocianico secondo la reazione:

NH2CONH2 → NH3 + HCNO

E successivamente, dall’idrolisi dell’acido isocianico, si formano ammoniaca e biossido di carbonio:

HCNO + H2O → NH3 + CO2

Reazioni

Nel corso della riduzione selettiva catalitica si verificano reazioni che riducono gli NOx ad azoto molecolare secondo una reazione di comproporzione come, ad esempio:

6 NO + 4 NH3 → 5 N2 + 6 H2O

Tuttavia la reazione dominante è:

4 NO + 4 NH3 + O2 → 4 N2 + 6 H2O

Le reazioni che coinvolgono il biossido di azoto sono le seguenti:

6 NO2 + 8 NH3 → 7 N2 + 12 H2O

2 NO2 + 4 NH3 + O2 → 3 N2 + 6 H2O

Può inoltre avvenire la reazione cineticamente favorita tra monossido di azoto, biossido di azoto e ammoniaca:

NO + NO2 +  2 NH3 → 2 N2 + 3 H2O

Reazioni indesiderate

Durante la riduzione catalitica si verificano reazioni competitive e non selettive nei confronti dell’ossigeno. Da esse derivano sottoprodotti ed inoltre si verifica il consumo dell’ammoniaca.

Esempi di queste reazioni sono l’ossidazione parziale dell’ammoniaca da cui si ottengono, rispettivamente, ossido nitroso o azoto elementare.

2 NH3 + 2 O2 → N2O + 3 H2O

4 NH3 + 3 O2 → 2 N2 + 6 H2O

L’ossidazione completa dell’ammoniaca, invece, porta alla formazione di monossido di azoto:

4 NH3 + 5 O2 → 4 NO + 6 H2O

A temperature inferiori ovvero a 100-200 °C si può verificare la reazione tra ammoniaca e biossido di azoto con formazione del nitrato di ammonio che è esplosivo e nitrito di ammonio:

2 NH3 + 2 NO2 + H2O → NH4NO3 + NH4NO2

Il nitrato di ammonio può depositarsi in forma solida o liquida nei pori del catalizzatore, portando alla sua disattivazione temporanea.

Se il gas di scarico contiene zolfo come per i motori diesel l’anidride solforosa può ossidarsi a solforica con successiva formazione, per reazione con acqua, di acido solforico

Inoltre l’ammoniaca può reagire con l’anidride solforosa per dare in due diverse reazioni solfato di ammonio e solfato acido di ammonio che possono avvelenare il catalizzatore:

2 NH3 + SO3 + H2O → (NH4)2 SO4

NH3 + SO3 + H2O → NH4H SO4

Catalizzatore

I catalizzatori utilizzati nel corso della riduzione catalitica selettiva sono:

Questi catalizzatori sono supportati da vari materiali ceramici porosi

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi