Reazioni chimiche

Al di là di ogni ragionevole dubbio si può asserire che tutto il nostro quotidiano si basa su reazioni chimiche: dal metabolismo degli alimenti di cui ci cibiamo alla cottura di una bistecca, dal dentifricio  alla saponetta, dal farmaco per il mal di testa alla crema da barba ogni cosa che ci circonda è data da una reazione chimica.

Le reazioni chimiche comportano la formazione di nuove sostanze e spesso sono irreversibili. A livello molecolare nelle reazioni avvengono rotture di legami e formazione di nuovi legami. Affinché si possa verificare una reazione sono necessarie determinate condizioni:

–          È necessaria una energia minima che possa dar inizio alla reazione che può essere sotto forma di calore, di luce o di corrente elettrica (aspetto termodinamico)

–          E’ necessario che le molecole dei reagenti possano collidere tra loro (aspetto cinetico)

Se una reazione avviene la sua velocità dipende da uno o più dei seguenti fattori come la temperatura, la presenza di luce, la pressione, la presenza di un catalizzatore, l’elettricità.

Alcune reazioni non avvengono a temperatura ambiente o sono molto lente mentre decorrono rapidamente a temperature maggiori. Vi sono poi reazioni che avvengono solo in presenza di luce ma non avvengono al buio come, ad esempio, la fotosintesi clorofilliana.

Anche la pressione gioca un suo ruolo: ad esempio la sintesi dell’ammoniaca avviene solo a pressioni superiori a 200 atm unitamente alla presenza di un catalizzatore e a una temperatura tra i 450 e i 500 °C.

Un catalizzatore è una qualunque sostanza, spesso un metallo di transizione o un suo composto, che abbassando l’energia di attivazione fa sì che una reazione possa aver luogo

catalizzatore

Ad esempio la decomposizione del clorato di potassio:

2 KClO3 →2 KCl + 3 O2

avviene rapidamente in presenza di MnO2 che funge da catalizzatore.

Alcune reazioni poi hanno luogo in presenza di elettricità come, ad esempio, l’elettrolisi dell’acqua:

2 H2O → 2 H2 + O2

o la decomposizione del bromuro di piombo (II):

PbBr2 → Pb+ Br2

Spesso  una reazione chimica è accompagnata da fenomeni macroscopici come la variazione di calore, l’effervescenza, la variazione di temperatura, la formazione di un precipitato, l’emissione di un gas ecc. Un esempio di reazione chimica è la decomposizione del nitrato di piombo (II). Quest’ultimo è un solido cristallino di colore bianco; quando viene riscaldato si sente una sorta di crepitio e si nota  la formazione di un gas rosso-bruno mentre sul fondo della provetta si forma un solido giallo. Queste macroscopiche variazioni attengono alla reazione:

2 Pb(NO3)2(s) → 2 PbO(s) + 4 NO2(g) + O2(g)

Il solido giallo è costituito da PbO mentre il gas rosso-bruno è il diossido di azoto NO2.

Un’altra reazione chimica molto spettacolare è la disidratazione del saccarosio in cui si forma del carbone: la reazione che avviene è la seguente:

C12H22O11 → 12 C + 11 H2O

zucchero

L’azione dell’acido che agisce da disidratante è quello di rimuovere l’acqua e assorbirla lasciando del carbone spugnoso.

Un altro esempio di reazione chimica avviene tra il potassio e l’acqua: il potassio sfreccia sulla superficie dell’acqua con emissione di un sibilo e produzione di idrogeno gassoso secondo la reazione:

2 K(s) + 2 H2O(l) → 2 NaOH(aq) + H2(g)

potassio

Le reazioni chimiche possono essere classificate come reazioni che avvengono con scambio di elettroni ovvero reazioni di ossidoriduzione e reazioni che avvengono senza scambio di elettroni, tuttavia, a seconda delle condizioni e del comportamento dei reagenti si preferisce classificare le reazioni chimiche come:

–          Reazioni di sintesi

Un esempio di reazione di sintesi in cui due reagenti danno un solo prodotto di reazione è:

2 Mg + O2 → 2 MgO

magnesio

Tale reazione era utilizzata nel campo della fotografia in quanto produce un lampo luminoso

–          Reazioni di decomposizione

Un esempio di reazione di decomposizione in cui un reagente dà luogo alla formazione di due o più prodotti di reazione è la reazione della nitroglicerina che è peraltro esplosiva:

4 C3H5N3O9 (s) → 6 N2(g) + 12 CO2(g) + 10 H2O(g) + O2(g)

dinamite

Reazioni di precipitazione o di doppio scambio

Un esempio di reazione di precipitazione in cui dal mescolamento di due soluzioni contenenti rispettivamente un sale danno luogo alla formazione di un precipitato è:

BaCl2(aq) + Na2SO4(aq) → BaSO4(s) + 2 NaCl(aq)

bario

–          Reazioni di scambio semplice

Un esempio di reazione di scambio semplice  in cui un elemento sostituisce un altro elemento presente in un composto è:

Zn(s) + CuSO4(aq) → ZnSO4(aq) + Cu(s)

rame

–          Reazioni di combustione

Un esempio di reazione di combustione in cui un elemento o un composto reagisce con l’ossigeno per dare prodotti di reazione e calore + costituito dalla combustione del metano:

CH4(g) + 2 O2(g) → CO2(g) + 2 H2O(g)

combustione metano

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On