Blog

Nobelio

  |   Chimica, Chimica Generale

Il nobelio è un elemento radioattivo prodotto artificialmente appartenente al 7° Periodo che ha numero atomico 102.

È il decimo elemento transuranico con configurazione elettronica [Rn] 5f147s2 e appartiene al blocco f  ed è il penultimo membro della serie degli attinidi

Storia

Nel 1957, un gruppo di scienziati del Nobel Institute of Physics di Stockhlom, in Svezia, annunciò la scoperta di un nuovo elemento.

Questo elemento denominato nobelio in onore del chimico svedese Alfred Nobel fu ottenuto bombardando in un ciclotrone un bersaglio di curio-244 con carbonio -13.

Nell’anno successivo il team del Lawrence Radiation Laboratory a Berkeley, in California tentò di confermare la scoperta del Nobel Institute, bombardando il curio-244 con carbonio-12 ottenendo il 252Nb con un tempo di dimezzamento diverso rispetto a quello ottenuto in precedenza

24496Cm + 126C → 252102No + 4 10n

Un terzo gruppo, del Joint Institute for Nuclear Researchanche a Dubna, in Russia, confermò il lavoro del gruppo di Berkeley. Il merito della scoperta dell’elemento fu dato agli scienziati statunitensi che decisero di mantenere il nome nobelio.

Proprietà

Ha caratteristiche metalliche e si prevede cristallizzi secondo un reticolo cubico a facce centrate. Molte delle proprietà dell’elemento sono dedotte da quelle di altri elementi che lo precedono nella Tavola Periodica.

Ha numero di ossidazione +2 e + 3 ma è l’unico elemento del blocco f per il quale lo stato +2 è il più comune e stabile in soluzione acquosa. Di conseguenza la sua chimica assomiglia a quella dei lantanidi o a quella dei metalli alcalino-terrosi.

Si prevede che abbia proprietà simili al bario, quando forma complessi con il cloruro e con lo stronzio nella formazione di composti organici con ossalato e citrato.  Lo ione No3+ è un forte agente ossidante e, infatti, il potenziale normale di riduzione relativo alla semireazione:
No3+ + 1 e→ No2+

è pari a 0.75 V.

Isotopi

Come tutti gli elementi radioattivi artificiali non ha isotopi stabili che vanno da 249No a 262No

Il 259No è quello più stabile con un tempo di dimezzamento di 58 minuti. L’isotopo con il tempo di dimezzamento minore di 25 secondi è 257No

Usi

A causa delle piccole quantità di nobelio prodotte e di tutti i suoi isotopi che hanno un’emivita relativamente breve, attualmente non ci sono usi al di fuori della ricerca scientifica