Metalli nobili

I metalli nobili sono un gruppo di metalli che hanno la caratteristica di essere resistenti all’ossidazione, alla corrosione in presenza di aria umida e di non essere facilmente attaccati dagli acidi.

Tutti i chimici concordano che i metalli che possono essere considerati nobili sono rutenio, rodio, palladio, argento, osmio, iridio, platino e oro.

metalli nobili

Secondo altre classificazioni vengono inclusi altri metalli che mostrano caratteristiche analoghe come titanio, niobio e tantalio.

Una delle qualità dei metalli nobili è quella di resistere all’attacco degli acidi ma vi sono differenze nel modo in cui questi metalli possono venire attaccati dagli acidi.

Il rutenio può essere attaccato dall’acqua regia solo in presenza di ossigeno, il rodio deve essere finemente polverizzato.

Il palladio che viene indicato come il meno nobile dei metalli nobili può essere attaccato a caldo da un acido ossidante come l’acido nitrico.

L’argento viene attaccato a caldo da acido solforico concentrato e da acido nitrico diluito.

L’osmio può essere attaccato dagli acidi e in particolare dall’acqua regia solo dopo un prolungato periodo di esposizione.

L’iridio è resistente all’attacco degli acidi compresa l’acqua regia mentre sia il platino che l’oro sono attaccati dall’acqua regia.

Gli usi dei metalli nobili variano a seconda del metallo ma nelle linee generali essi trovano applicazioni oltre che nel campo della gioielleria, anche in quello dell’elettronica e come rivestimenti protettivi.

Leghe di metalli nobili unite a materiale ceramico trovano utilizzo in campo odontoiatrico.

 

Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On