Grafite

Alla pressione di 1 atm e alla temperatura di 20°C la grafite costituisce la fase termodinamicamente più stabile del carbonio sebbene la velocità di conversione dal diamante alla grafite è del tutto trascurabile. A temperature superiori a 4000 °C il diamante si converte in grafite rapidamente. Per convertire la grafite in diamante occorrono temperature oltre i 17’’°C e una pressione di 35 GPa.

A causa della sua elevata stabilità termica e della sua inerzia chimica la grafite viene utilizzata nei materiali refrattari quali i mattoni refrattari costituiti da ossido di magnesio e grafite che mostrano alta refrattarietà, forte resistenza a temperatura elevata, resistenza alla corrosione e resistenza alla scheggiatura.

Unitamente all’ossido di zirconio viene usata per refrattari usati nelle acciaierie.

La grafite è utilizzata nelle matite di cui costituisce l’anima unitamente all’argilla. Quanto più alto è il contenuto di grafite tanto maggiore è morbida la matita e scura la sua traccia.

La grafite reagisce con il vapore acqueo contenuto nell’atmosfera con formazione di un film sottile che riesce a depositare su qualsiasi superficie riducendone l’attrito ed è quindi usata come lubrificante.

Dalla grafite, può essere ottenuto, tramite esfoliazione meccanica, esfoliazione in fase liquida o tramite metodi chimici il grafene materiale oggetto di intendi studi dalle enormi potenzialità.

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On