Forza degli acidi

Gli acidi forti sono quelli che possono essere considerati dissociati al 100% mentre gli acidi deboli sono caratterizzati dal fatto che la loro dissociazione in acqua non è completa, ma è una reazione di equilibrio, e come tale la loro dissociazione è correlata ad una costante di equilibrio indicata con Ka

Fattori che influenzano la forza degli acidi

Elettronegatività

La forza degli acidi è strettamente correlata alla loro struttura: secondo la teoria di Brønsted e Lowry un acido è un donatore di protoni e una base un accettore di protoni. Quando un acido dona un protone si trasforma nella sua base coniugata mentre quando una base accetta un protone si trasforma. La forza di un acido è quindi dovuta alla stabilità della base coniugata.

Si considerino le specie CH3OH e NH3 e si valutino le rispettive basi coniugate ovvero CH3O e NH2.

Nel caso dello ione CH3O la carica negativa è presente sull’ossigeno mentre nel caso di NH2 la carica negativa è presente sull’azoto.

Poiché l’ossigeno è più elettronegativo dell’azoto CH3O è più stabile di NH2 e pertanto CH3OH ha una forza acida maggiore rispetto a NH3.

Per prevedere la forza degli acidi ci si può attenere ai seguenti steps:

  • Individuare l’idrogeno acido
  • Paragonare i valori di elettronegatività degli elementi a cui è legato l’idrogeno
  • La stabilità relativa della base coniugata segue lo stesso ordine dell’elettronegatività: la base contenente l’elemento più elettronegativo è più stabile
  • Quanto più stabile è la base coniugata tanto è più forte l’acido

Si considerino i seguenti composti:

CH4, NH3, H2O e HF

L’ordine di elettronegatività è: C < N < O < F

La stabilità delle rispettive basi coniugate è quindi:

CH3 < NH2, < OH < F

Condividi
Avatar

Author: Chimicamo

Share This Post On