Blog

Cloruro di cianogeno - chimicamo

Cloruro di cianogeno

  |   Chimica, Chimica Generale

Il cloruro di cianogeno è una molecola lineare avente formula N≡CCl in cui è presente un triplo legame azoto-carbonio in cui quest’ultimo è ibridato sp.

È un composto inorganico che si presenta allo stato gassoso a temperatura ambiente con un odore pungente e irritante solubile in acqua, etanolo e etere etilico.

Proprietà

Il chimico francese Claude Louis Berthollet nel 1802 preparò il cloruro di cianogeno  per la prima volta. Come molti composti contenenti il gruppo cianuro è considerato uno pseudoalogeno. È una sostanza tossica, irrita gravemente gli occhi, la pelle e il tratto respiratorio e produce gravi effetti interferendo con l’utilizzo dell’ossigeno a livello cellulare.

Fu usato come arma chimica nel corso della Grande Guerra e denominato Mauguinite dai Francesi.

Il cloruro di cianogeno e la triclorammina NCl3 sono sottoprodotti della disinfezione nelle piscine clorurate.

Sintesi

Esso è ottenuto facendo reagire cianuro di potassio con cloro secondo la reazione:

KCN + Cl2 → NCCl + KCl

La reazione è condotta preparando una soluzione satura di cloro a 0°C e facendo gocciolare lentamente una soluzione fredda di cianuro di potassio fin quando non scompare il tipico colore giallo-verde del cloro

Reazioni

In presenza di idrossido di sodio il cloruro di cianogeno forma il cianato di sodio, cloruro di sodio e acqua:

NCCl + 2 NaOH → NaOCN + H2O + NaCl

Il cloruro di cianogeno in ambiente acido tende a trimerizzare per dare la 2,4,6-tricloro-1,3,5-triazina nota come cloruro cianurico precursore dell’erbicida atrazina

Idrolisi

  • A valori di pH neutri il cloruro di cianogeno idrolizza lentamente per dare ione cianato e ione cloruro:

NCCl + H2O → NCO + 2 H+ + Cl

NCCl + H2O → HOCN (HNCO) + HCl

NCCl + 2 H2O → CO2 + NH4Cl

  • Ossidazione catalitica. Il cloruro di cianogeno si ossida per dare biossido di carbonio, azoto e cloro:

2 NCCl + 2 O2 → 2 CO2 + N2 + Cl2

  • Clorazione alcalina

A causa dell’estrema tossicità del cianuro la sua rimozione dalle acque reflue industriali è stato uno dei primi processi di trattamento delle acque reflue industriali ad essere sviluppato e ampiamente utilizzato.

Il cianuro infatti è utilizzato come anione da associare ai metalli utilizzati nei bagni di placcatura metallica, poiché molti cianuri metallici sono solubili in acqua.

Il processo di allontanamento del cianuro avviene in due fasi.

Nella prima fase il cianuro viene convertito in cloruro di cianogeno:

CN + Cl2 → NCCl + Cl

Nella seconda fase il cloruro di cianogeno idrolizza per dare cianato:

NCCl + H2O → OCN +  Cl + 2 H+

In presenza di un leggero eccesso di cloro a pH alcalino, il cianato viene ulteriormente idrolizzato per produrre ammoniaca secondo la reazione:

OCN + 3 H2O → HCO3 + NH4OH

In eccesso di cloro l’ammoniaca viene ossidata a azoto gassoso:

3 Cl2 + 2 NH4+ → N2 + 6 Cl + 8 H+

In presenza di anidride solforica il cloruro di cianogeno dà luogo alla formazione di clorosolfonile isocianato precursore di molte sostanze chimiche:

ClCN + SO3 → ClSO2NCO

 Usi

Il cloruro di cianogeno è utilizzato:

  • nelle sintesi chimiche per l’ottenimento di composti come il tetracianometano
  • come arma chimica non convenzionale
  • nella raffinazione dei metalli
  • nella produzione di gomma sintetica
  • per la fumigazione di navi e magazzini
  • nei processi di elettrodeposizione

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi