Blog

Carburo cementato

  |   Chimica, Chimica Generale

Il carburo cementato è un materiale composito, costituito da carburo metallico duro e resistente all’usura inglobato da una matrice metallica. Ha quindi una combinazione unica di durezza e tenacità.

Le basi per l’attuale metodo di produzione risalgono agli anni ’20 dello scorso secolo, quando l’azienda tedesca di lampadine elettriche, Osram, cercò dei sostituti delle costose filiere diamantate utilizzate nella produzione del filo di tungsteno. La ricerca portò al carburo cementato, che fu presto prodotto e commercializzato da numerose aziende per diverse applicazioni, dove la sua elevata resistenza all’usura.

Nel 1926 Friedlich Krupp in Germania commercializzò utensili basati di questo materiale con il nome Widia (Wie Diamant = come il diamante).

Composizione

La matrice metallica è costituita, in genere da metalli dei Gruppi 4, 5 e 6 o ferro e il carburo è quello di tungsteno WC, titanio TiC o tantalio TaC

A seconda dei diversi leganti, il carburo cementato può essere suddiviso nelle seguenti categorie:

  • Lega di tungsteno-cobalto: i componenti principali sono il carburo di tungsteno e il cobalto
  • Leghe di tungsteno-titanio-cobalto: i componenti principali sono carburo di tungsteno, carburo di titanio e cobalto.
  • Leghe di tungsteno-titanio-tantalio (niobio): i componenti principali sono carburo di tungsteno, carburo di titanio, carburo di tantalio (o carburo di niobio) e cobalto.

Un carburo cementato si ottiene tramite un processo di sinterizzazione in cui le polveri dei materiali solidi in forma di polvere sono mescolate, pressate e poi riscaldate. La pressione è mantenuta alta, in modo che i granuli delle polveri si uniscono a formare un pezzo di materiale compatto

Proprietà

I parametri più importanti per la determinazione delle proprietà del carburo cementato sono il contenuto di legante e la granulometria media del carburo. La fase di carburo è generalmente compresa tra il 70 e il 97% del peso totale del composito. La sua granulometria è in media compresa tra 0.4 e 10 μm.

Tra le proprietà resistenza all’usura, all’ossidazione e alla corrosione, tenacità, stabilità chimica, resistenza alle deformazioni, basso coefficiente lineare di espansione.

Usi

A seconda della loro composizione sono utilizzati per realizzare utensili da tornio, frese, pialle, punte, ecc. Tra questi, il carburo cementato di tungsteno-cobalto è adatto per la lavorazione di metalli ferrosi e non ferrosi e di materiali non metallici, come ghisa, ottone fuso, bachelite.

I prodotti in carburo di tungsteno cementato sono largamente usati e preferiti all’acciaio inossidabile per l’elevata durezza e resistenza all’usura e utilizzati per punte di trapano, frese e utensili da taglio.

Esso è usato per unte di utensili chirurgici sia perché possono essere affilate sia per la loro resistenza all’ossidazione.