Blog

Attività dei metalli- chimicamo

Attività dei metalli

  |   Chimica, Chimica Generale

L’attività dei metalli così come il carattere metallico aumenta da destra a sinistra lungo un periodo e dall’alto verso il basso lungo un gruppo. Pertanto i metalli si differenziano per la loro reattività.

Quindi gli elementi che si trovano in basso a sinistra della tavola periodica sono quelli che mostrano una maggiore reattività.

Ad esempio, i metalli alcalini reagiscono tutti con l’acqua ma la velocità della reazione aumenta scendendo lungo il gruppo a causa dell’aumento del carattere metallico.

Classificazione

I metalli possono quindi essere classificati sulla base della loro attività per classi:

 I : appartengono a questa classe i metalli più attivi ovvero tutti i metalli alcalini e i metalli alcalino-terrosi ad eccezione del magnesio

 II: magnesio, alluminio, zinco e manganese

 III: cromo, ferro, stagno, piombo e rame

 IVoro, argento, platino e mercurio

I metalli più attivi, ovvero quelli della Classe I, si combinano con l’ossigeno e con il vapore acqueo contenuto nell’aria e quindi vengono conservati in un liquido inerte come un olio minerale.

Quelli della Classe II sono meno attivi: essi non reagiscono con l’acqua a temperatura ambiente mentre reagiscono rapidamente con gli acidi.

I metalli della Classe III reagiscono solo con acidi forti ad eccezione del rame che, stante il suo alto potenziale di riduzione, reagisce solo con acidi ossidanti come l’acido nitrico.

I metalli della Classe IV hanno elevati valori di potenziale di riduzione pertanto, a temperatura ambiente, sono praticamente inerti e vengono utilizzati nel campo della gioielleria per la loro bassa tendenza a ossidarsi.

Reazioni con l’ossigeno

I metalli più attivi reagiscono con l’ossigeno: ad esempio il litio reagisce con l’ossigeno per dare l’ossido di litio secondo la reazione:

4 Li(s) + O2(g) → 2 Li2O(s)

Il sodio ha maggiori dimensioni rispetto al litio e minore densità di carica elettrica pertanto reagisce con l’ossigeno per dare prevalentemente un perossido:

2 Na(s) + O2(g) →  Na2O2(s)

Gli altri metalli alcalini, più reattivi, reagiscono con l’ossigeno molto rapidamente per dare i superossidi:

K(s) + O2(g) →  KO2(s)

Il superossido di potassio si forma sulla superficie del metallo anche se esso è conservato in solventi inerti pertanto esercitando su di esso una pressione con la lama di un coltello lo strato di superossido viene a contatto con il metallo sottostante con formazione dell’ossido secondo la reazione:
3 K(s) + KO2(s) → 2 K2O(s)

Reazioni con l’acqua

La reattività dei metalli alcalini con l’acqua aumenta scendendo lungo il gruppo: il litio reagisce lentamente, il sodio più rapidamente e il potassio reagisce in modo violento.

La reazione tra questi metalli e acqua dà luogo alla formazione di idrogeno gassoso:

2 Na(s) + 2 H2O(l) → 2 NaOH(aq) + H2(g)

Reazione con ammoniaca

Quelli alcalini sono molto solubili in ammoniaca e reagiscono con essa per dare soluzioni che conducono corrente elettrica. Dalla reazione si ottiene un’ammide e idrogeno gassoso: nel caso del sodio la reazione è:

2 Na(s) +2 NH3(aq) →2  NaNH2(aq) + H2(g)

Condividi


Gentile Lettrice, Gentile Lettore

Abbiamo rilevato che stai utilizzando un AdBlocker che blocca il caricamento completo delle pagine di Chimicamo.org

Questo sito è per te completamente gratuito e fornisce, si spera, un servizio serio, completo ed utile, pertanto speriamo che tu consideri la possibilità di escluderlo dal blocco delle pubblicità che sono la nostra unica fonte di guadagno per portare avanti quello che vedi.

 

Per piacere aggiungi Chimicamo.org alla tua whitelist oppure disabilita il tuo software mentre navighi su queste pagine.

 

Grazie

Lo staff di Chimicamo.org

Condividi