Blog

Albite

  |   Chimica, Chimica Generale

L’ albite è un minerale appartenente al gruppo dei feldspati costituita da un silicato di sodio e alluminio Na(AlSi3O8).

Dal punto di vista strutturale i feldspati sono tectosilicati che presentano una impalcatura tridimensionale costituita da tetraedri SiO4 in cui parte del silicio  è sostituita dall’alluminio.

Nel 1815 i chimici Johan Gottlieb Gahn e Jöns Jacob Berzelius denominarono questo minerale albite dal latino albus che significa bianco a causa del suo colore.

Può  contenere fino al 10 % di potassio in sostituzione del sodio infatti per percentuali maggiori di potassio ci si trova davanti all’anortoclasio.

Diffusione

L’albite è un minerale molto comune che impiega più tempo a cristallizzare rispetto agli altri feldspati. Ciò implica la formazione di cristalli di grandi dimensioni ed elevato grado di cristallinità.

È  ampiamente distribuita e si trova comunemente in graniti, sieniti, rioliti e trachiti, nonché pegmatiti e spilliti.

Poiché l’albite è l’ultimo dei feldspati a cristallizzare dalla roccia fusa, può essere spesso trovata con altri minerali rari. Si può trovare associata a quarzo, muscovite, biotite e tormalina.

Interessanti esemplari si trovano nelle Alpi svizzere e in Tirolo. In Asia è diffusa in Pakistan e Afghanistan e, nell’America del Sud in Brasile.

Nell’America del Nord si trova in Canada e, negli Stati Uniti, in Virginia, California, Carolina del Nord e Maine

Proprietà

Si presenta di colore bianco, giallo chiaro, azzurro, verde chiaro, rosso pallido, marrone chiaro, grigio.

Dà luogo a gemellaggio lamellare che può causare un effetto scanalato sulle superfici che appaiono come striature. Alcune albiti possono mostrare un’opalescenza dovuta al gemellaggio e sono indicate come pietra di luna.

Ha una durezza, nella scala di Mohs, da 6 a 6.5, un indice di rifrazione di 1.53 e un peso specifico di 2.6.

È poco solubile negli acidi ma è solubile in acido fluoridrico

Usi

Gli esemplari più belli sono ambiti dai collezionisti mentre è, in genere, utilizzata nella fabbricazione del vetro e della ceramica. È macinata molto finemente e mescolata con caolino e quarzo; dopo il riscaldamento il feldspato fonde funge da legante per gli altri materiali.

Il feldspato fuso è anche il costituente principale dello smalto sulla porcellana. L’albite è utilizzata anche per fornire allumina .