Blog

Acquamarina-chimicamo

Acquamarina

  |   Chimica, Chimica Generale

L’ acquamarina è un silicato di alluminio e berillio che ha formula Be3Al2(SiO3)6 appartenente, come lo smeraldo, alla famiglia del berillio.

L’uso dell’acquamarina nella società risale al 480 a.C. quando  gli antichi greci scolpivano amuleti con questa gemma affascinante. Il nome deriva dal latino aqua che significa acqua e marina che significa mare in allusione al colore della pietra.

La maggior parte dei cristalli si formano nelle cavità sotto la superficie terrestre durante le ultime fasi della cristallizzazione del magma. La lenta velocità di raffreddamento sotterraneo fornisce il tempo necessario per lo sviluppo di cristalli di grandi dimensioni.

Diffusione

L’acquamarina si trova solitamente nelle pegmatiti e nelle vene nelle rocce metamorfiche mineralizzate dall’attività idrotermale. Il Brasile è la principale fonte mondiale di acquamarina che si trova sia nelle pegmatiti che nei depositi alluvionali. Si trova anche in Afghanistan, Kenya, Madagascar, Malawi, Mozambico, Nigeria, Pakistan, Russia, Tanzania e Zambia. In India e Sri Lanka si trova in depositi alluvionali.

Proprietà

Ha un colore da blu verdastro a blu dovuto a tracce di ferro. Il ferro può presentarsi in due stati di ossidazione come Fe2+ e Fe3+.

Il ferro (II) è responsabile del colore blu e il ferro (III) è responsabile del colore giallo che si combina con il colore blu per produrre blu verdastro. Un trattamento termico può rimuovere il colore giallo e trasformare il colore della gemma in un blu più puro e più pregiato.

Ha un peso specifico da 2.6 a 2.8 e una durezza, nella scala di Mohs da 7.5 a 8 ed è quindi una delle pietre preziose più dure dopo diamante, rubino, zaffiro, topazio e crisoberillo. Tuttavia l’acquamarina è fragile e la gemma può essere facilmente scheggiata.

Dagli anni ’80 dello scorso secolo in Russia e dall’inizio del 2000 nella Repubblica Ceca si è ottenuta acquamarina sintetica riccamente colorata. La sua colorazione è dovuta a cobalto, rame e nichel che non sono presenti nella pietra naturale.

Usi

Il suo utilizzo è limitato al campo della gioielleria nella realizzazione di anelli, orecchini e bracciali. È utilizzata, se di dimensioni maggiori come pendente.

Condividi