Blog

Acido iodico

  |   Chimica, Chimica Generale

L’ acido iodico è un ossiacido avente formula HIO3 in cui lo iodio ha numero di ossidazione +5.

Esso si presenta come un solido bianco che gode di una certa stabilità se confrontato agli analoghi acido clorico e acido bromico. L’acido iodico, infatti, allo stato puro è uno degli ossiacidi più stabili degli alogeni

Proprietà

È solubile in acqua, etanolo, etere etilico, cloroformio e acido nitrico. L’acido iodico è un acido piuttosto forte infatti il valore della costante di equilibrio è pari a 0.18.

Pertanto l’equilibrio di dissociazione

HIO3 + H2O ⇄ IO3 + H3O+

È spostato a destra verso lo ione iodato che è la base coniugata dell’acido iodico

È un buon ossidante in soluzione acida infatti il potenziale normale di riduzione relativo alla semireazione:

HIO3 + 5 H+ + 6e→ I+ 3 H2O

è pari a  +1.078 V

Sintesi

L’acido iodico può essere preparato attraverso diverse vie sintetiche tra cui che prevedono l’ossidazione dello iodio ad opera di forti ossidanti come

I2 + 10 HNO3 → 2 HIO3 + 10 NO2 + 4 H2O

I2 + 5 H2O2 → 2 HIO3 + 4 H2O

I2 + 5 Cl2 + 6 H2O → 2 HIO3 + 10 HCl

Può essere inoltre ottenuto dalla reazione tra:

  • tricloruro di iodio e acqua

2 ICl3 + 3 H2O → ICl + HIO3 + 5 HCl

3 HIO + 2 OH →  HIO3 + 2 I +2 H2O

 

Reazioni

Quando l’acido iodico agisce da ossidante il prodotto della reazione è iodio o ioduro.

In presenza di perossido di idrogeno ha luogo una reazione di precipitazione con evoluzione di gas:

2 HIO3(aq) + 5 H2O2(aq) →  I2(s) + 5 O2(g) + 6 H2O(l)

A una temperatura maggiore di 170°C si disidrata decomponendosi  in pentossido di iodio e acqua:

2 HIO3 → I2O5 + H2O

In presenza di ioduro di ferro (II) dà luogo a una reazione di comproporzione con formazione di cloruro di ferro (III) e cloruro di iodio:

5 HIO3 + 4 FeI2 + 25 HCl → 4 FeCl3 + 13 ICl + 15 H2O

In presenza di acido iodidrico dà luogo a una reazione di comproporzione con formazione di iodio:

HIO3 + 5 HI → 3 I2 + 3 H2O

L’acido iodico, inoltre, in soluzione acquosa ossida l’acido solfidrico a zolfo

2 HIO3 + 5 H2S → I2 + 6 H2O + 5 S

L’acido iodico può essere utilizzato per sintetizzare sali di iodato di sodio o di potassio che sono utilizzati nel sale come fonte di iodio nel corpo umano.

 

Usi

L’acido iodico è utilizzato

  • in chimica analitica per la standardizzazione di basi forti o deboli usando rosso metile o metilarancio quali indicatori
  • dall’industria del sale per ottenere il sale iodato
  • nelle sintesi organiche per la sua capacità di ossidare selettivamente i composti organici